Superbike Jerez, Gara 2: Rea e Sykes proseguono la lotta per il titolo

I podi conquistati nelle due manche permettono a Kawasaki di confermarsi campione tra i costruttori

Superbike Jerez, Gara 2: Rea e Sykes proseguono la lotta per il titoloSuperbike Jerez, Gara 2: Rea e Sykes proseguono la lotta per il titolo

Superbike, Gaerne Spanish Round, Gara2. Anche nella seconda manche Jerez, teatro della 12esima tappa dal campionato mondiale, Tom Sykes con il terzo posto è riuscito a rimandare l’assegnazione del titolo in Qatar, nell’ultimo round della stagione, anche se a Jonathan Rea, arrivato secondo, bastano solo due punti per confermarsi campione.

Nonostante il titolo Costruttori vinto da Kawasaki sabato, al temine di Gara 1, dal round a Jerez le forze in campo escono leggermente diverse, con la Ducati in vantaggio per la prima volta in stagione: nè Rea nè Sykes sono infatti riusciti a mantenere il ritmo di Chaz Davies, autore di una grandiosa doppietta, la seconda consecutiva.
A questo di aggiunge il fatto che per lunghi tratti Nicky Hayden con la Honda è rimasto sempre molto vicino al duo KRT, mancando di poco il podio.

“40 o 48 punti non fa molta differenza, ci aggrappiamo alle nostre possibilità” – ha riflettuto Tom Sykes dopo Gara2 – “Il problema è che abbiamo permesso a Chaz di avvicinarsi ed è in una grande forma fisica. Abbiamo bisogno di migliorare la moto, il set up e spero di trovare qualcosa che mi permetta di essere aggressivo dall’inizio alla fine come Chaz, perché al momento mi sento come se stessi sfidando me stesso durante la gara, quindi è davvero deludente. In generale il terzo posto è il massimo che avremmo potuto conquistare oggi. Dobbiamo andare avanti ed essere più forti”.

“Abbiamo dovuto allungare i tempi. Non mi sono sentito così bene su questa pista ad essere onesti, quindi aver centrato due volte il podio è piuttosto buono” – ha dichiarato Jonathan Rea – “Il divario da Chaz e dalla Ducati è un po’ preoccupante in questo momento, ma possiamo andare in Qatar che è una pista dove mi diverto. L’anno scorso avevo fatto una buona gara quindi vedremo. Sono molto rilassato adesso perché nonostante la grande forma fisica di Chaz e i 48 punti possiamo andare in Qatar con un atteggiamento tranquillo e puntare al titolo”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    MSC crociere

    17 ottobre 2016 at 12:05

    Certo che a Rea piace vincere facile, in superbike non ha praticanente rivali..se si sente un vero campione dovrebbe confrontarsi con i migliori del mondo e passare in motogp invece ha rinnovato ancora con Kawasaki.
    Nonostante abbia vinto meno io ho molta piú stima per Crutchlow che per lui, perchè preferisce lottare magari perdere nella top class che vincere a un livello inferiore del motociclismo

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati