Superbike Jerez, Gara 1: Althea BMW conclude nella top ten

Torres taglia il traguardo in ottava posizione seguito da Reiterberger

Superbike Jerez, Gara 1: Althea BMW conclude nella top tenSuperbike Jerez, Gara 1: Althea BMW conclude nella top ten

Superbike, Gaerne Spanish Round, Gara 1. L’Althea BMW Racing team oggi ha concluso la prima manche del 12esimo appuntamento stagionale, sul circuito di Jerez de la Frontera, con entrambi i piloti nei primi dieci: Torres in ottava e Reiterberger in nona posizione.

Impegnati nella Tissot-Superpole 1, solo lo spagnolo è riuscito a passare il turno, grazie al giro veloce fissato in 1’41.264, mentre il tedesco con il terzo tempo (1’41.528) non ce l’ha fatta a giocarsi le prime file in griglia.
Torres, che stava andando bene con le gomme da gara, ha chiuso poi la seconda manche di qualifiche Jordi al settimo posto, con un miglior giro personale in 1’40.111.

In gara nei primi giri Torres aveva un buon passo e transitava in sesta posizione, nella seconda metà delle tornate previste, però, ha iniziato perdere terreno per colpa dell’usura delle gomme, e ha concluso ottavo. Reiterberger, che partiva dalla quinta fila, è partito bene e ha recuperato tre posizioni già al termine del primo giro, fino alla nona posizione che è riuscito a mantenere, grazie a un passo costante fino alla bandiera a scacchi.

“Abbiamo fatto due buone Superpole, sia la prima che la seconda. La gara si è disputata in condizioni più calde, ma l’abbiamo gestita bene penso” – ha commentato Jordi Torres – “Sono partito bene ed ho cercato di essere più cattivo nei primi giri. Sono stato attento quando ho visto alcune cadute, ma ho cercato di restare con Hayden, che era subito davanti a me. Dopo sei o sette giri però, l’anteriore della moto ha cominciato a chiudersi e di conseguenza ho dovuto cambiare il mio stile di guida per poter stare in piedi. Domani vorremo cambiare qualcosa per far durare di più la gomma anteriore.”

“La mia partenza in gara non è stata male ed ho recuperate subito un paio di posizioni, ma poi ho dovuto spingere forte per stare con i piloti subito davanti a me, che avevano un passo leggermente più veloce del mio. Ci sono state alcune cadute durante la gara e quindi stavo attento a non commettere errori” – ha detto Markus Reiterberger – “Ho battagliato per chiudere nella top ten e la nona posizione finale non è male, anche se dobbiamo certamente migliorare. Continueremo a lavorare e a cercare qualche soluzione nel warm-up di domani, che possa permetterci di completare una seconda manche migliore rispetto ad oggi.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Primo Piano

SBK, Pirelli French Round, Gara1: tre volte Jonathan Rea

Straordinaria impresa del Campione del Mondo che conquista la terza corona iridata. Stoico Sykes che cede a Melandri solo all'ultimo
Condividi su WhatsApp Jonathan Rea entra di diritto nella storia del Motorsport completando un’impresa che ha del leggendario: oggi sul