MotoGP Motegi: Barberà in “Rosso” al posto di Iannone

Il pilota del Team Avintia salirà in sella alla Ducati Desmosedici GP

MotoGP Motegi: Barberà in “Rosso” al posto di IannoneMotoGP Motegi: Barberà in “Rosso” al posto di Iannone

Ducati MotoGP 2016 Motegi – Hector Barberà correrà questo fine settimana a Motegi in sella alla Ducati ufficiale lasciata libera dall’infortunato Andrea Iannone.

In un primo momento la Ducati (dopo aver chiesto a Stoner di correre e dopo essersi sentita rispondere un secco “no”) aveva deciso di non sostituire Iannone, ma alla fine è stato deciso di premiare il pilota spagnolo, rider del Team Avintia e che abitualmente corre con la Desmosedici GP14.2.

Il suo posto nel Team spagnolo sarà preso dall’australiano Mike Jones, campione 2015 del campionato australiano Superbike, che debutterà quindi nella classe regina, dopo aver corso a Phillip Island nella WorldSBK.

Questa è una grande occasione per Barberà, che sarà in sella ad una moto rivelatasi competitiva nell’arco della stagione.

Qualcuno si starà chiedendo perchè a sostituire Iannone non sia stato chiamato un pilota del Team Pramac, la risposta è semplice: Danilo Petrucci e Scott Redding si stanno giocando l’unica Ducati ufficiale a disposizione del Team satellite Ducati nel 2017 e ovviamente devono farlo a parità di moto. Ricordiamo che ad aggiudicarsela sarà colui che avrà sommato più punti dalla gara di Brno a quella di Valencia.

“Sono molto emozionato, perché è una cosa incredibile poter far parte della squadra ufficiale, anche solo per una gara – ha detto Hector Barberà – Ho molta voglia di fare bene, e Motegi è una pista ‘stop-and-go’ che si adatta perfettamente alla Desmosedici GP, che ha molta potenza. Io sono pronto per sfruttare questa occasione e fare una bella gara, e voglio ringraziare la Ducati e il team Avintia Racing per avermi dato questa opportunità.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    MSC crociere

    13 Ottobre 2016 at 09:44

    Ce ne sono voluti di anni ma finalmente anche a lui un piccolo riconoscimento piú che meritato. Peccato che in soli 3 giorni avrà solo il tempo di assaggiare la moto prima di poterla portare in gara.
    In bocca al lupo!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati