Superbike Magny-Cours, Gara 1: Chaz Davies osa e vince

Il pilota gallese parte con le intermedie e trionfa davanti a Van der Mark e Sykes

Superbike Magny-Cours, Gara 1: Chaz Davies osa e vinceSuperbike Magny-Cours, Gara 1: Chaz Davies osa e vince

Superbike, Fassi French Round, Gara 1. Il Campionato Mondiale delle derivate di serie in questo finale di stagione ha deciso di non dare nulla per scontato: la prima corsa al Circuit de Nevers Magny-Cours prende il via in condizioni di pista incerte dopo la pioggia di questa mattina.

A spuntarla è stato Chaz Davies, unico dei top rider a osare decidendo di montare le intermedie: il pilota gallese aveva spiegato che la scelta era esclusivamente sua e si assumeva pertanto tutte le responsabilità.
A lui vanno quindi tutti i meriti di una decisione che lo ha portato sul gradino più alto del podio, mentre gli altri, partiti con le rain, sono dovuti rientrare ai box per cambiarle.

Il punto di svolta della gara è stato al 13esimo giro, quando Tom Sykes e Jonathan Rea, rispettivamente quarto e quinto in quel momento, si sono arresi all’usura delle loro gomme da pioggia: il pilota inglese ha deciso di giocarsi il tutto e per tutto montando le slick, mentre l’attuale leader di classifica ha deciso di non rischiare, scegliendo le intermedio.
In questa giornata sembra proprio che osare paghi: Sykes riesce a recuperare ben 10 posizioni, terminando la sua gara al terzo posto, per un nulla dietro a Van der Mark.
La sensazione è che se Sykes avesse anticipato di qualche giro il cambio avrebbe avuto la possibilità di provare a prendere Davies, come ha fatto del resto il giovane olandese, relegato nelle retrovie fino a che non è rientrato ai box a montare le intermedie.

Jonathan Rea riesce al photofinish a superare Lorenzo Savadori per il quarto posto finale, posizione che gli permettere di perdere solo tre punti da Sykes in classifica: gara conservativa oggi per il Campione in carica, che non ha fatto la sua corsa esclusivamente sul compagno di squadra.
Una nota per Lorenzo Savadori, autore di una grande gara, che si trovava in seconda posizione a più di metà gara e ha dovuto progressivamente lasciare spazio agli altri con coperture più fresche.
Vista la differenza in pista tra rain e intermedie, il quinto posto si può però già considerare un bel risultato.
Sesta posizione per la grande sorpresa di quest’oggi, Matthieu Lagrive, in forza al team Pedercini Kawasaki, che dopo le belle qualifiche di questa mattina è stato autore di una gara coraggiosa, unico pilota in pista ha optare per la singolare scelta della rain al posteriore e dell’intermedia all’anteriore.
Settima posizione per Leon Camier: il pilota inglese è stato autore di una gara pazzesca e si trovava in prima posizione, dopo più di metà gara, quando le su rain hanno cominciato a cedere.
Peccato davvero perché avrebbe meritato il podio.
Ottava posizione per Xavi Fores, seguito d Sylvain Guintoli e Alex De Angelis, anche lui in zona podio dopo più di metà gara non è riuscito a far durare le sue gomme fino alla bandiera a scacchi.
A ridosso della top ten troviamo infine Alex Lowes: il pilota inglese non è al meglio della forma a causa dell’incidente di ieri, che ha riacutizzato il dolore alla spalla che gli ha fatto saltare il MotoGP di Aragon.
Sfortunato Nicky Hayden che ha dovuto abbandonare la gara intorno al 13esimo giro per un guasto.

In virtù dei risultati di oggi, Sykes riduce il suo distacco da Rea a 44, mentre Davies di avvicina ulteriormente a -86: vedremo cosa succederà domani in Gara 2, partenza alle 13:00, che si annuncia sull’asciutto, condizioni ottimali per la Ducati.

Di seguito l’ordine di arrivo di Gara 1:

1. C. DAVIES – Aruba Racing Team Ducati – Ducati Panigale R
2. M. VAN DER MARK – Honda World Superbike Team – Honda CBR1000RR
3. T. SYKES – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
4. J. REA Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
5 L. SAVADORI – Iodarcinging Team – Aprilia RSV4
6 M. LAGRIVE – Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R
7 L. CAMIER – MV Agusta Reparto Corse – MVAgusta 1000 F4
8 X. FORÉS- Barni Racing Team – Ducati Panigale R
9 S. GUINTOLI – Pata Yamaha WorldSbk Team – Yamaha YZF R1
10 A. DEANGELIS – Iodarcinging Team – Aprilia RSV4
11 A. LOWES – Pata Yamaha WorldSbk Team – Yamaha YZF R1
12 J. BROOKES – Milwaukee BMW – BMW S1000 RR
13 R. RAMOS Kawasaki ZX-10R
14 J. TORRES – Althea BMW RacingTeam – BMW S1000 RR
15 L. SCASSA Ducati Panigale R
16 K. ABRAHAM – Milwaukee BMW – BMW S1000 RR
17 M. REITERBERGER – Althea BMW RacingTeam – BMW S1000 RR
18 S. AL SULAITI – Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R
19 P. SEBESTYÉN – Team Tóth – Yamaha YZF R1
20 M. LUSSIANA – Team ASPI – BMW S1000 RR
21 G. VIZZIELLO – Grillini RacingTeam – Kawasaki ZX-10R
22 A. PLANCASSAGNE – 3ART – Yamaha YZF R1

Not Classified
I. TÓTH – Team Tóth – Yamaha YZF R1
N. HAYDEN – Honda World Superbike Team – Honda CBR1000RR
D. SCHMITTER – Grillini RacingTeam – Kawasaki ZX-10R

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    max3isback

    1 Ottobre 2016 at 17:31

    Grandissimo Chaz, bellissima gara e tanto di cappello per il coraggio e la scelta rischiosa…. Ci vorrebbe lui alla Ducati MotoGP ;)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati