Superbike Magny-Cours: I piloti si improvvisano Street-artists

Consueto media event in cui i protagonisti del campionato hanno mostrato il loro talento artistico

Superbike Magny-Cours: I piloti si improvvisano Street-artistsSuperbike Magny-Cours: I piloti si improvvisano Street-artists

Superbike, Fassi French Round. Il Campionato Mondiale delle derivate di serie è arrivato in Francia per l’undicesimo round, su tredici in programma, che inizierà al Circuit de Nevers Magny-Cours domani con due sessioni di libere.

Prima di confrontarsi in pista, i piloti si sono cimentati nel consueto media event del giovedì che questa volta consisteva nel dipingere una tela di 20 m, guidati da alcuni tra i più famosi artisti di strada francesi dell’Associazione “Street Art City”, nel pittoresco piazzale del Palazzo Ducale di Nevers.

Jonathan Rea, Sylvain Guintoli, Jules Cluzel, Cedric Tangre e Zulfahmi Khairuddin hanno imparato le varie tecniche utilizzate dagli artisti di strada e hanno contribuito, ciascuno dipingendo una tela di 1,2 m x1,2 m con un mix di stili diversi, a realizzare una gigantesca opera d’arte davanti a tifosi e media, per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.

Sylvain Guintoli e Jules Cluzel erano tra i più affascinati del lavoro degli artisti presenti, tanto che si sono seduti in prima fila per vederli all’opera, e hanno scattato moltissime foto.
Poi hanno provato da soli, ma i risultati non sono stati decisamente all’altezza, con Cluzel che ha commentato: “L’ultima volta che ho dipinto è stato a scuola!”

Anche Jonathan Rea e Zulfahmi Khairuddin, team Orelac Racing VerdNatura, non sono stati meno entusiasti dei colleghi, tanto che sono stati i primi a prendere una bomboletta e dare il loro contributo sulla tela. Khairuddin – un maestro della bomboletta – ha fatto molta attenzione nel dipingere all’interno delle linee tracciate dall’artista suo partner: “Hanno la mano ferma ed è impressionante come controllano la pressione dello spray!”

Rea invece ha improvvisato, prendendo lo spunto dalla divisa del team, ma ha avuto bisogno di aiuto per completare i particolari più piccoli del logo: “Il mio è il migliore. È stato difficile trovare l’ispirazione, ma una volta deciso, mi sono lanciato in questa impresa, ho dipinto i loghi del mio sponsor e mi sono divertito molto”.

Guintoli, impegnato a farsi ritrarre da un artista, ha detto che vuole comprare il dipinto quando sarà finito, ma il francese dovrà lottare con i suoi tifosi perché a Novembre verrà messo all’asta per beneficenza.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati