MotoGP Aragon: Disastro Pramac, Petrucci e Redding si toccano nel primo giro e chiudono nelle retrovie

Il ternano colpisce l'inglese a inizio gara, chiedendo poi scusa per la manovra alquanto azzardata

MotoGP Aragon: Disastro Pramac, Petrucci e Redding si toccano nel primo giro e chiudono nelle retrovieMotoGP Aragon: Disastro Pramac, Petrucci e Redding si toccano nel primo giro e chiudono nelle retrovie

Danilo Petrucci Scott Redding MotoGP 2016 Gp Aragon Team Pramac – Scintille in casa Pramac, dove un contatto ad inizio gara tra Petrucci e Redding, rovina la gara di entrambi i piloti che chiudono così rispettivamente 17° e 19°. E pensare che ieri entrambi si erano qualificati tra i primi 10 e oggi c’erano quindi tutte le premesse per fare una buona gara. Invece dopo una buona partenza in cui Scott è riuscito a superare Petrux, a metà del primo giro un contatto tra i due ha costretto il pilota inglese ad uscire di traiettoria perdendo successivamente l’anteriore sul cordolo. Scott è rientrato in pista dopo il crash ma ultimo. Danilo al nono giro ha invece dovuto effettuare un ride throught per la sua manovra sul suo team mate, e questa penalizzazione, insieme ad un problema tecnico hanno rovinato tutto. Peccato, forse la scelta di Pramac di lasciare i suoi due piloti lottare tra loro per capire a chi dare il prossimo anno la moto ufficiale, non è la politica migliore.

“Mi dispiace molto per quello che è successo con Scott – ha affermato Danilo Petrucci – Fin dalle prime curve ho sentito di aver dei problemi con la moto, non riuscivo a frenare bene andando sempre largo. Purtroppo ho toccato Scott. Non mi è sembrato un contatto molto pesante ma è stato sufficiente per mandarlo fuori pista. Sono davvero mortificato. Lui è molto arrabbiato e gli chiederò scusa. Il resto della gara è stato davvero difficile.”

“Sono molto dispiaciuto per quello che è successo – ha concluso Scott Redding – Non credo che sia una cosa bella quando succede tra compagni di squadra. Ero partito abbastanza bene poi mi sono sentito arrivare Danilo addosso e questo contatto mi ha fatto allargare la traiettoria. Quando sono passato sul cordolo ho perso l’anteriore. Ho continuato fino alla fine ma è stato davvero frustrante anche perché nelle ultime gare non ho avuto la possibilità di combattere nel gruppo per fare esperienza con questa moto in dry condition”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati