MotoGP Misano: Andrea Iannone, “Ci tengo a correre qui, spero di farcela”

Il pilota della Ducati proverà a scendere in pista nelle Free Practice 3

MotoGP Misano: Andrea Iannone, “Ci tengo a correre qui, spero di farcela”MotoGP Misano: Andrea Iannone, “Ci tengo a correre qui, spero di farcela”

Andrea Iannone MotoGP 2016 Misano Team DucatiAndrea Iannone aveva iniziato la giornata del GP di Misano al meglio e in un tweet aveva scritto: “Svegliarsi la mattina e andare a fare il lavoro più bello del mondo… Buongiorno!” postando anche un video in cui si svegliava.

Purtroppo nelle Free Practice 1, dopo pochi giri, il pilota della Ducati è scivolato, apparentemente una scivolata innocua, ma nella caduta il pilota di Vasto ha riportato la frattura di una vertebra D3. Inizialmente le condizioni del pilota sembravano peggiori di quanto si sono poi rivelate e in molti (tra cui Gazzetta dello Sport e Sky), noi compresi, raccolte info mediche, abbiamo scritto che il pilota della Ducati sarebbe stato costretto a saltare questo GP e forse anche quello di Aragon.

Successivamente una conferenza stampa tenuta in Ducati ha precisato che Iannone è stato dichiarato “Unfit to review” e che domattina, dolore permettendo, potrà quindi provare a scendere in pista. Ecco a tal proposito le parole dello stesso pilota della Ducati.

“Nel primo turno di FP1 nel quinto giro sono scivolato perdendo l’anteriore alla curva 13 ed ho iniziato a rotolare nella ghiaia. Purtroppo ho riportato una compressione alla schiena e gli esami hanno poi evidenziato una frattura alla vertebra D3 – ha detto Andrea Iannone – I medici hanno deciso di controllarmi nuovamente domattina, prima di darmi l’eventuale OK per la gara: io spero di riuscire a riposare bene questa notte e di svegliarmi senza troppo dolore, perché ci tengo particolarmente a correre qui a Misano.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. Avatar

    cujo

    9 settembre 2016 at 20:03

    dopo 5 giri non puoi fare queste minki@te….

  2. Avatar

    TONYKART

    9 settembre 2016 at 20:36

    per fortuna che eri piu’ veloce di stoner…si a cadere,li non ti batte nessuno…

    • Avatar

      Bestlap

      9 settembre 2016 at 21:02

      Chissà xkè a rolling stoner lo chiamavano così..?? Forse xkè suonava in un complesso rock..??

  3. Avatar

    MSC crociere

    10 settembre 2016 at 00:43

    Ci vuole fegato a rompersi una vertebra e voler correre subito

  4. Avatar

    supermariacion

    10 settembre 2016 at 09:44

    Skarto anche tu sei imbattibile

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati