Superbike: Terminati i test Ducati a Misano

In pista si è visto per la prima volta Marco Melandri chiamato a sostituire Giugliano dal prossimo anno

Superbike: Terminati i test Ducati a MisanoSuperbike: Terminati i test Ducati a Misano

L’Aruba.it Racing–Ducati team ha terminato oggi la tre giorni di test che l’ha vista impegnata al Misano World Circuit Marco Simoncelli, utile a preparare al meglio l’ultima parte della stagione e a continuare il lavoro di sviluppo in vista della prossima, che già si annuncia ricca di cambiamenti.

Quello più evidente sarà in sella alla Panigale 1199 r: al fianco del confermato Chaz Davies ci sarà infatti Marco Melandri, che rientra dopo un anno di pausa e dopo un’esperienza negativa in MotoGP con Aprilia.

Marco Melandri era attesissimo ai box in questi giorni, in cui ha potuto iniziare a prendere confidenza con il nuovo mezzo, sfruttando tutte e tre le giornate e macinando una grande mole di lavoro.

Il programma prevedeva la condivisione del circuito con i piloti 2016 Chaz Davies e Davide Giugliano nei primi due giorni, anche se il gallese purtroppo ha dovuto abbandonare il campo dopo solo 45 min per un dolore alla schiena: esami medici hanno confermato la presenza di tre ernie del disco.

“Tre ernie del disco, ecco cosa regala la vita ad un motociclista!” ha scherzato Chaz Davies – “Ho gestito con successo questo problema per qualche anno, ma era ovvio rinunciare a questo test. Quest’estate ho fatto un’intensa fisioterapia alla schiena, ma alla fine non mi ha risolto il problema, come non mi ha aiutato la mancanza di massaggi e chiroterapia. Nonostante ciò, dopo l’allenamento che ho fatto qui, sono molto ottimista per il resto della stagione. Quest’anno sono stato spesso al 95% con la moto, ma ora penso di sapere il perché. Abbiamo scoperto qualcosa di davvero importante”.

Marco Melandri dal canto suo era entusiasta di poter provare la sua nuova moto per ben tre giorni: il ravennate si è impegnato molto riuscendo a fare anche piccoli progressi.

“È stato molto eccitante, come se fosse stata la prima volta!“ – ha detto Marco Melandri in un’intervista rilasciata martedì a WorldSBK.com – “Quando fai qualcosa che ti piace, il motociclismo nel mio caso, e ti fermi, questo ti aiuta a capire meglio quanto hai perso e perché ti piace tanto. In questo ritorno mi sono divertito molto. La Panigale è una grande scoperta per me. Sono abbastanza sicuro che questa moto possa essere buona per il mio stile di guida; naturalmente molti sono scettici, anche se è ancora presto per dirlo, io sono felice.”

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    ligera

    25 Agosto 2016 at 19:50

    Io sono tra gli scettici. E’ fermo da un anno, su una moto che non conosce affatto, ma mi pare di avere capito che si prendeva 2 secondi buoni da Giuliano (ecco perchè in una intervista, Giuliano diceva che Melandri aveva capito che c’è da lavorare parecchio per potere essere veloci con la Panigale. Eh Eh Eh). 2 secondi sono molti, sopratutto in SBK.

    Comunque, in bocca al lupo anche a Lui e speriamo in meglio. Certo che farmelo piacere sarà tutta un’altra cosa.

    Grande Ducati

  2. Avatar

    TONYKART

    26 Agosto 2016 at 12:47

    E un offesa ai giovani promettenti mettere un Melandri che ha già portato a casa un sacco di soldi da questo sport con in più un anno di fermo
    Nn capisco proprio cosa gli porta questo fermo

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati