MotoGP Red Bull Ring: Aprilia in difficoltà sul giro secco

Bautista 19° e Bradl 21°

MotoGP Red Bull Ring: Aprilia in difficoltà sul giro seccoMotoGP Red Bull Ring: Aprilia in difficoltà sul giro secco

GP Austria MotoGP QP – le due RS-GP hanno avuto diverse difficoltà a portare a termine un time attack competitivo. Ciò deriva dalla scelta di un setting votato prevalentemente alla gara piuttosto che al giro singolo.
Alvaro Bautista ha infatti chiuso con il 19° crono e Stefan Bradl con il 21°.
Domani si preannuncia una gara in rimonta per i due piloti Aprilia.

“Domani potrebbe succedere davvero di tutto – ha commentato Alvaro Bautista. Su una pista dove è complicato sorpassare, la partenza diventa fondamentale. Dal punto di vista fisico non è un circuito che crea particolari problemi, quindi bisognerà spingere per tutta la durata di gara mantenendo un buon ritmo. Da questo punto di vista sono soddisfatto del lavoro svolto fin’ora, i distacchi rispetto alla top-10 sono estremamente ridotti e siamo in una buona posizione come passo. Anche i miglioramenti alla potenza sono piccoli ma tangibili, lungo tutto l’arco di erogazione.
Per domani cercheremo di lavorare sulla guidabilità: quando si imposta una moto stabile inevitabilmente si perde qualcosa in maneggevolezza, quindi proveremo a trovare un giusto compromesso”.‬

“Rispetto a ieri siamo riusciti a lavorare molto meglio, anche grazie alle migliori condizioni – le parole di Stefan Bradl. Faccio ancora fatica a fermare la moto come vorrei, sapevamo che per noi non sarebbe stato facile su questa pista ma guardando ai distacchi credo che con qualche ulteriore step in termini di setup la situazione potrebbe migliorare. Cercheremo di lavorare sulla frenata durante il warmup, al momento sembra che questa fase sia quella che ci limita di più. Per noi ogni weekend fa storia a sè, con una moto completamente nuova come la RS-GP e un circuito così particolare abbiamo bisogno di tempo per mettere tutti i tasselli al posto giusto”.‬

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati