MotoGP: Andrea Iannone, “Stoner? Nei test era andato forte ma non sapevo dovesse correre”

Il pilota abruzzese ha aggiunto: "Ducati favorite? E' presto per dirlo, ma siamo veloci"

MotoGP: Andrea Iannone, “Stoner? Nei test era andato forte ma non sapevo dovesse correre”MotoGP: Andrea Iannone, “Stoner? Nei test era andato forte ma non sapevo dovesse correre”

Andrea Iannone MotoGP 2016 Red Bull Ring Austria Spielberg Team DucatiAndrea Iannone ha parlato alla vigilia del Gran Premio d’Austria, decima tappa del motomondiale 2016. Il pilota della Ducati, che nei test era stato il più veloce ha affrontato vari argomenti e noi di Motorionline.com gli abbiamo chiesto in particolare della mancata wild card di Stoner. A lui la parola.

“Nei test siamo stati i più veloci e fa piacere che gli altri ci diano come favoriti, ma c’è l’incognita gomme. Nei test non siamo riusciti a completare la distanza della gara, e Michelin ha portato un nuovo pneumatico posteriore.”

Cosa ti aspetti da questo nuovo pneumatico, hai parlato con Michelin?

“E’ una gomma diversa, che in teoria dovrebbe coprire la distanza della gara, ma fino a che non la proveremo è difficile dire come potrà andare.”

Come ti sei allenato in questa pausa estiva?

“Mi sono riposato e poi sono tornato a girare con la moto da cross. Era da tanto che non lo facevo e devo dire che è andata molto bene, mi sono divertito e mantenuto in forma.”

Ti sei fatto un’idea del perchè Casey Stoner ha rinunciato alla gara?

“Casey era andato molto forte nei test, è stato molto competitivo, come sempre del resto. Sinceramente non sapevo che avesse chiesto di correre, ma sicuramente se fosse stato in pista sarebbe stato molto veloce. Se ha deciso di non correre avrà le sue ragioni.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    ligera

    11 agosto 2016 at 17:59

    Ci risiamo. Ancora gomme diverse e non è più così scontata la faccenda. Non è la prima volta che accade, già dai test si usava un tipo gomma cambiato per i noti fatti, ma qui, portare “l’armamentario” completo da fare provare ai piloti per poi scegliere quelle giuste per la gara, è operazione così complicata?

    Pensate quel che volete, che la pista resti favorevole a Ducati, è anche vero, sotto determinati aspetti, ma anche il fattore “grip” ha la sua importanza e su questo, le gomme hanno notevole impatto oltre alle caratteristiche della moto.

    Staremo a vedere già da domani, ma penso che non si riscontri più la netta prevalenza delle Ducati sulle altre case. La Ducati andrà forte, questo lo credo e lo spero, ma i rivali non saranno poi così lontani (e non mi riferisco alla Honda). come lo erano durante i test di qualche settimana fa.

    Grande Ducati

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati