Superbike: Chaz Davies in Ducati si sente a casa

Il pilota gallese impegnato nei test in Germania fa il punto della sua esperienza italiana

Superbike: Chaz Davies in Ducati si sente a casaSuperbike: Chaz Davies in Ducati si sente a casa

In occasione dei test che si stanno svolgendo sul circuito del Lausitzring, WorldSBK.com ha raggiunto Chaz Davies per fare un po’ il punto della sua esperienza con la casa di Borgo Panigale, cui ha regalato la prima vittoria in Wsbk lo scorso anno ad Aragón e in questa stagione due fantastiche doppiette al Motorland Aragon e all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Certamente i meriti dell’aumentata competitività Ducati tra le derivate di serie sono dovuti allo sviluppo della Panigale, ma una buona parte di meriti spetta al pilota gallese, che è arrivato nel team nel 2014, quando il team non aveva mai vinto una gara.
In questo primo anno Davies è salito sul podio molte volte, centrando finalmente il gradino più alto nel 2015, stagione in cui si è laureato come vice-campione dietro a Rea.

“Tutto è andato nella giusta direzione” – ha detto Chaz Davies – “L’andamento è stato sempre positivo, nelle ultime tre stagioni. Siamo passati da essere abbastanza competitivi su alcuni tracciati, a essere pronti a lottare per la vittoria adesso – è così che dovrebbe essere con un team ufficiale. La cosa straordinaria è stata la prima vittoria per la Panigale, dopo non aver vinto l’anno prima – è significato molto per me”.

“Nel 2015 chiaramente il primo obiettivo era quello di vincere una gara e l’abbiamo fatto ad Aragon. È stato incredibile. Poi sono arrivate anche la doppietta a Laguna e le vittorie a Jerez e in Malesia, questa fu davvero speciale”.

Sempre nel 2015, con la vittoria in Malesia tolta a Rea proprio all’ultimo giro, Davies era riuscito a negandogli la possibilità di vincere il titolo già in quella occasione: questa gara ha rappresentato il culmine dei progressi compiuti dalla squadra dopo la prima vittoria ad Aragon, punto di svolta nella stagione per il gallese, che è diventato un serio avversario per Jonathan Rea.

Davies ora rappresenta anche un punto fermo per il progetto Ducati guidato da Gigi Dall’Igna.

“A quel tempo, la Panigale aveva bisogno di migliorare” – racconta Chaz Davies – “Era una buona moto ma era giovane e io avevo bisogno di vedere i risultati. Ma la stabilità e guidare la stessa moto per due anni è stato il fattore più importante. Credo di aver fatto la cosa giusta perché era un momento simile a quando la struttura della Ducati è cambiata. Sono sicuro di aver preso la giusta decisione, anche se era un rischio per me e per loro, ora posso dire onestamente che è stata una grande mossa per me. Ho una buona casa in Ducati e spero di rimanere in questa famiglia per molti anni ancora”.

Con l’Aruba.it Racing – team Ducati, il pilota gallese sarà impegnato sul circuito del Lausitzring anche domani, mercoledì 27 luglio, per preparare al meglio l’ultima parte della stagione, che inizierà proprio qui, dal 16 al 18 settembre, con il Pirelli German Round.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    emilio

    30 Luglio 2016 at 09:55

    Grande Chaz.
    Moltissimo fegato in gara e sempre molto impegno nel lavoro.
    Ti meriti un mondiale.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati