Superbike Laguna Seca, Gara 2: Prova di forza di Tom Sykes

Con il ritiro di Rea il pilota inglese riapre il campionato

Superbike Laguna Seca, Gara 2: Prova di forza di Tom SykesSuperbike Laguna Seca, Gara 2: Prova di forza di Tom Sykes

Superbike, GEICO Motorcycle US Round, Gara 2. Per raddrizzare un mondiale che sembrava aver inevitabilmente preso la direzione sì del box Kawasaki ma lato Jonathan Rea ci voleva una prestazione da campione vero e un po’ di sana, inevitabile, fortuna.

A Tom Sykes sono successe entrambe le cose: al Madza Raceway di Laguna Seca lui ha guidato da fenomeno, non sbagliando nulla su una pista che costringe spesso all’errore, vincendo una gara in cui il compagno di team ha dovuto ritirarsi a casua di un guasto tecnico.
Un risultato pesante, arrivato al termine di una corsa in cui i colpi di scena non sono mancati, compresa una ripartenza dopo bandiera rossa e una battaglia a tratti serrata con le Ducati di Giugliano e Davies.

Venticinque punti guadagnati per Sykes che significano -46 in classifica iridata, meno dei punti in palio in un solo round quando all’appello ne mancano 4.
Certo Rea è un osso duro, certo uno che ottiene dall’inizio della stagione 17 podi su 18 disponibili non è quasi di questo pianeta, ma nel motorsport come sempre tutto può succedere.

Con il successo in Gara 2 a Laguna Seca, Sykes fa segnare la sua quinta vittoria del 2016, la 31° in carriera, e raggiunge il due volte campione Colin Edwards al sesto posto di tutti i tempi in questa speciale classifica.’

Sykes ora si godrà questo successo nella lunga pausa estiva, per poi tornare alla grande dal 16 al 18 settembre per al Pirelli German Round.

“E’ stato molto emozionante, ho avuto un sacco di pressione da parte dei piloti Ducati per tutta la gara, abbiamo lottato molto e ho dovuto cambiare un po’ le mie traiettorie per difendermi al meglio oggi. Ho dovuto fare dei gran tempi sul giro, ma tutto questo alla fine ci ha dato 25 punti” – ha detto Tom Sykes – “nel complesso, è stata bella gara per gli spettatori, combattuta tra tre piloti. Sono abbastanza felice, ma è stata una gara difficile, per certi versi. AL ripartenza ci ha dato del tempo e abbiamo fatto alcune modifiche, sfruttando al meglio la situazione. Non abbiamo mai avuto il set-up perfetto, ma sento che abbiamo raggiunto un buon compromesso. Abbiamo fatto un buon fine settimana, con la pole position, un secondo posto e una vittoria. Ora affronteremo la pausa estiva con il morale alto e cercheremo imparare dalle informazioni che raccolte nel precedente round di Misano e in questo, per provare a comporre insieme il puzzle per l’ultima parte della stagione.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati