Superbike Laguna Seca, Gara 2: Rea non si demoralizza

Il Campione del Mondo si ritira dalla seconda manche per un guasto tecnico

Superbike Laguna Seca, Gara 2: Rea non si demoralizzaSuperbike Laguna Seca, Gara 2: Rea non si demoralizza

Superbike, GEICO Motorcycle US Round, Gara 2. E’ stato un weekend a due facce quello vissuto da Jonathan Rea al Mazda Raceway Laguna Seca: dopo la vittoria in Gara 1, la prima in carriera su questo tracciato, anche nella seconda ha lottato per il gradino più alto del podio, ma ha dovuto arrendersi dapprima a un’uscita di pista alla curva 6, che gli ha fatto perdere molte posizioni, poi a un problema meccanico.

Con il primo posto del compagno di team, e suo principale avversario per la conferma del titolo iridato, Rea si è visto diminuire il suo vantaggio in classifica a “soli” 46 punti: il campione in carica si è detto un po’ frustrato per questo ma allo stesso tempo è contento della moto e userà la lunga pausa estiva per ricaricare le batterie in vista degli ultimi quattro appuntamenti della stagione, il primo dei quali dal 16 al 18 settembre al Lausitzring, in Germania.

“Non siamo sicuri di quale sia stato il problema, ma sappiamo che è stato qualcosa di meccanico” – ha spiegato Jonathan Rea – “Quando sono rientrato in pista la situazione stava peggiorando e ho deciso di fermarmi. È un peccato perché era un motore nuovo e avremmo potuto usarlo alla fine dell’anno. Non è mai bello perdere 25 punti dal tuo rivale più vicino, ma mi sento come se fossi il più veloce in questo momento e non sono nervoso. Mi sento bene in sella alla moto. Anche dietro a Tom e Davide mi sentivo come se potessi decidere quando superare. L’unico problema reale per me sarà dover aspettare a guidare ancora la moto. So che potremo fare un buon lavoro per quando torneremo in pista a Lausitzring. La moto adesso mi piace e mi sento come nel 2015…”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati