CIV

CIV Mugello: ragazzini terribili, vincono round 1 della PreMoto3 Giannini e Brianti

Nella 250 vittoria per Thomas Brianti all’esordio assoluto

CIV Mugello: ragazzini terribili, vincono round 1 della PreMoto3 Giannini e BriantiCIV Mugello: ragazzini terribili, vincono round 1 della PreMoto3 Giannini e Brianti

CIV Mugello PreMoto3 – come al solito i giovanissimi piloti della PreMoto3 riescono a mettere in atto le gare più combattute ed avvincenti.
Oggi il gruppetto di testa ha dato spettacolo con una bagarre senza esclusione di colpi che ha visto le colline toscane fare da teatro ad una serie interminabile di sorpassi e controsorpassi.
Leonardo Taccini, Thomas Brianti, e Riccardo Rossi – per la 250 4T – e Gabriele Giannini –per la 125 2T – si sono contesi la vittoria fino all’ultima curva dell’ultimo giro. Proprio la Bucine ha riservato una sorpresa che ha sparigliato le carte: un doppiato a centro traiettoria ha rimescolato le posizioni regalando la vittoria all’esordiente Thomas Brianti seguito da Leonardo Taccini, Riccardo Rossi e Gabriele Giannini, quest’ultimo unico rappresentante della 125 2T e quindi vincitore di categoria.
Completano il podio della ottavo di litro Raffaele Fusco 2° e Devis Bergamini 3°.

“Vengo dalle pit-bike dove corro con il Team Rotek – ha spiegato Thomas Brianti (nella foto sulla griglia di partenza) – e li ringrazio per l’opportunità di aver potuto correre nel CIV. giovedì ho visto per la prima volta il Mugello e mi hanno impressionato le salite e discese così ripide, avevo visto la pista solo con la Play-Station. Oggi sono partito bene, ero 3° alla prima curva, poi ho provato ad andare via ma il rettilineo è troppo lungo. Per questo motivo mi sono messo in 4° posizione ed alla fine ho provato a vincere, riuscendoci”.

PreMoto3 250 1 Mugello

“Non mi aspettavo che Thomas andasse subito così bene – ha detto Leonardo Taccini – è stata comunque una bella gara e mi sono divertito molto. Purtroppo abbiamo avuto l’imprevisto del doppiato e Brianti è stato più furbo e ci ha fregati. Sono comunque felice per questo 2° posto che mi permette di avere la testa della classifica generale”.

“Oggi mi aspettavo una gara così combattuta – ha concluso Riccardo Rossi – anche se quel doppiato all’ultima curva mi ha sorpreso. Fabio Di Giannantonio oggi mi ha dato dei consigli: mi ha detto di stare interno alla prima curva e di non esagerare”.

“Sinceramente oggi non me l’aspettavo – ha detto Gabriele Giannini, vincitore della 125 2T – ho preso subito vantaggio alla San Donato ed ho seguito le 4 tempi. Ogni tanto mi giravo per vedere chi avevo dietro e ho notato che i miei avversari stavano lottando tra di loro, ciò mi ha fatto prendere un bel margine. Ho fatto 3 vittorie su 3 gare e 2 pole position, non posso chiedere di più”.

Ma oggi siamo stati anche spettatori di un altro esordio particolarmente positivo: Damian Jigalov, dodicenne di Chicago, si è cimentato nel CIV con RMU. Si tratta di un particolare progetto, sostenuto anche da Dainese, che ha permesso a questo giovanissimo rider di esordire in Europa – oggi 5° nella PreMoto3 125 2T – e di rendere questo Campionato sempre più aperto verso il mondo.

“Il Mugello – ha raccontato Damien Jigalov è molto diverso dagli altri tracciati ma mi è piaciuto molto, soprattutto le due Arrabbiate. Sono qui grazie ad RMU che per il mio compleanno – qualche giorno fa – mi ha permesso di fare un test a Misano con gli altri ragazzi e Valentino Rossi. Oggi mi sono divertito tantissimo, e questo 5° posto all’esordio vale come una vittoria. In qualifica ed in prova ero preoccupato, ma durante la gara ho subito avuto un ottimo feeling: già la partenza mi ha sorpreso per come è stata buona. Il resto della gara è stato molto duro, ho spinto molto e sono felicissimo di questo risultato”.

Jigalov Mugello 2016

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in CIV

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

Manuel Poggiali Riders Coach Gresini Racing

Il sammarinese supervisionerà tutte le categorie della squadra faentina
Condividi su WhatsApp Gresini Racing – La figura del Riders Coach è sempre più in voga nel Motomondiale. Valentino Rossi