Moto2 2016: Intervista esclusiva a Lorenzo Baldassarri

Con il pilota del Forward Racing abbiamo affrontato vari argomenti, dalla Moto2 alla sicurezza

Moto2 2016: Intervista esclusiva a Lorenzo BaldassarriMoto2 2016: Intervista esclusiva a Lorenzo Baldassarri

Moto2 2016 – Abbiamo intervistato in esclusiva Lorenzo Baldassarri, rider del Forward Racing classe Moto2. Il “Balda” ha parlato del campionato in corso, degli allenamenti con la VR46 Academy ed ha affrontato anche il tema della sicurezza. Ecco cosa ha raccontato a Motorionline.com.

Raccontaci questo inizio di stagione, qual’è il tuo bilancio?

“E’ stato un inizio di stagione difficile, mi sono fatto male in Qatar (lussazione di entrambe le spalle, ndr) ed ho dovuto saltare la gara e poi da lì è iniziata la “salita”. Ho sottovalutato l’infortunio, volevo correre già in Qatar, ma in realtà c’è voluto molto più tempo di quando pensassi a recuperare. Poi a Jerez siamo tornati competitivi, eravamo nella Top Five ma purtroppo così come a Le Mans non abbiamo raccolto punti.”

E’ arrivato poi lo splendido podio del Mugello.

“E’ stato un grande podio, siamo stati competitivi sia in prova che in gara e considero quella del Mugello come una “ripartenza.” Purtroppo poi a Barcellona c’è stato un contatto con Corsi e non ho potuto finire la gara. Ora siamo ad Assen, una pista che mi piace molto, molto tecnica, veloce, con sezioni come il T4 da “pelo”, anche se c’è sempre l’incognita meteo.”

Torniamo al parlare del Mugello, quanto è stato importante fare il podio davanti al proprio pubblico?

“Come ho detto è stato un grande podio, farlo davanti ai propri tifosi e in un circuito spettacolare è stato fantastico, per di più con la livrea “Mugello Special”.”

Fai parte della VR46 Academy di Valentino Rossi, racconta come “funziona” e come vi allenate.

“La VR46 Academy è una grande opportunità e sono fiero di farne parte. Mi seguono a 360°, ho la possibilità di stare a contatto con Vale (Rossi, ndr), di allenarmi con lui e di seguire i suoi consigli.”

Sei uno di quelli che va più forte al “Ranch”, racconta la tua esperienza.

“La settimana scorsa ho fatto un gran tempo! (si parla di record, ndr). Non ho battuto il crono di qualche tempo fa, ma le condizioni cambiano sempre molto. Sabato scorso sono andato molto forte. Allenarsi al ranch è molto importante, anche perchè la prendiamo un pò come una sfida.”

Chi sono i piloti che vanno forte oltre a Valentino?

“Oltre a Vale vanno molto forte Paso (Pasini, ndr), Morbido (Morbidelli, ndr) e Luca (Marini, fratello di Rossi, ndr). Ci alleniamo anche a Misano ed è una grande opportunità. Giriamo con le Yamaha R6, un moto simile alla Moto2 ma più pesante, quindi è una bella “palestra”.

Cosa vuol dire essere a stretto contatto con Rossi?

“Ti fa capire molte cose, mi colpiscono la sua grinta, la sua umiltà, la sua voglia di divertirsi.”

Parliamo ora della Moto2, una classe che si può considerare come un monomarca (ci sono motori Honda e come telaio Kalex e Speed Up).

“E’ un campionato molto competitivo, in prova basta un decimo per guadagnare o perdere molte posizioni. La differenza la fa trovare un buon setting in breve tempo e prima degli altri.”

Quali delle prossime piste ti piace di più?

“Sachsenring, dove vado molto forte. La mia preferita è l’Australia, ma sono tutte belle, tutte hanno le proprie caratteristiche.”

Affrontiamo ora il tema della sicurezza, dopo quando accaduto a Salom a Barcellona, come si torna in pista?

“E’ stato difficile tornare in moto dopo quanto è successo. Credo sia stata molto dura per tutti. E’ brutto dirlo ma si deve cercare di pensarci il meno possibile. Bisogna entrare in pista concentrati, questo nonostante tutto.”

Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati