Moto3 Assen: Migno magistralmente 3°, seguono Fenati 4° e Bulega 7°

Migno aveva chiuso 2°, poi retrocesso

Moto3 Assen: Migno magistralmente 3°, seguono Fenati 4° e Bulega 7°Moto3 Assen: Migno magistralmente 3°, seguono Fenati 4° e Bulega 7°

GP Olanda Moto3 GP – Andrea Migno conquista il suo primo podio in carriera dopo una gara di altissimo livello. Partito 2°, ha sempre fatto parte del gruppo di testa portandosi anche più volte al comando.
Il capolavoro lo ha però confezionato sul finale quando ha sorpassato ben 3 piloti all’esterno prima dell’ultima chicane chiudendo alle spalle di Bagnaia. Questa manovra è stata però ritenuta irregolare dalla direzione gara che lo ha retrocesso di una posizione relegandolo al 3° gradino del podio.
In una delle più belle gare di questa categoria – che ha visto 5 italiani nei primi 5 – Romano Fenati si è classificato 4° e Nicolò Bulega 7° al termine di una bagarre senza esclusione di colpi.

“Una domenica indimenticabile – ha esultato Andrea Migno – una lotta continua per tutti i 22 giri di gara. Un bel gruppo di piloti, tantissimi sorpassi e un bellissimo finale. Da Jerez ad oggi siamo cresciuti davvero tanto, abbiamo lavorato sodo e questo podio è per tutto il team e la VR46 Riders Academy che mi ha supportato in questo percorso. All’ultimo giro ho dato tutto: vedevo la vittoria a portata di mano, all’ultima chicane mi sono allargato e sono finito fuori dal tracciato. Mi hanno penalizzato di una posizione, ma poco importa: le regole sono regole e questo terzo posto è incredibile”.

“E’ stata una gran gara – le parole di Romano Fenati – ricca di sorpassi dalla prima all’ultima curva. Ho lottato sempre con i primi, ho cercato di chiudere tutte le porte all’ultimo giro, ma con il gioco delle scie sono rimasto ai piedi del podio sul traguardo. Sono soddisfatto del weekend e non vedo l’ora di tornare in pista al Sachsenring”.

“Una grandissima bagarre per tutta la gara – ha detto Nicolò Bulega – continui sorpassi e un ritmo davvero altissimo. Rispetto agli altri perdevo qualcosa in velocità, ma sono riuscito a rimanere nel gruppo di testa fino alla bandiera a scacchi. Negli ultimi giri, qualche sorpasso troppo aggressivo e dei contatti di gara con alcuni piloti mi hanno fatto perdere la scia dei primi, ma nel complesso è stata una bella lotta”.

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati