Superbike Misano, Gara 1: Quinta e sesta posizione per Torres e Reiterberger

I piloti del Team Althea sono stati autori di una gara molto buona dopo le non brillanti qualifiche

Superbike Misano, Gara 1: Quinta e sesta posizione per Torres e ReiterbergerSuperbike Misano, Gara 1: Quinta e sesta posizione per Torres e Reiterberger

Superbike, Pirelli Riviera di Rimini Round, Gara 1. E’ stata una gara molto buona per il team Althea quella disputata oggi al Misano World Circuit Marco Simoncelli, ottava tappa del campionato mondiale delle derivate di serie: Jordi Torres e Markus Reiterberger hanno chiuso in quinta e sesta posizione finale.

Raffale De Rosa invece si è qualificato secondo per la gara della Superstock 1000 FIM Cup di domani, grazie ad un miglior crono di 1’37.464.

In qualifica, Reiterberger e Torres hanno avuto accesso diretto alla Tissot-Superpole 2 in virtù del secondo e quinto tempo ottenuti ieri dopo le due sessioni di libere, ma non hanno avuto altrettanta fortuna.
Il pilota tedesco ha fatto registrare un 1’35.605 con la gomma da gara, abbassato ulteriormente di mezzo secondo, nonostante una scivolata, con le coperture da qualifica: i tempi degli avversari sono stati però molto competitivi, e lui non è così andato oltre l’undicesimo piazzamento in griglia.
Torres invece ha perso tempo all’inizio della sessione a causa di un problema tecnico e ha avuto la possibilità di completare un solo giro veloce, chiudendo dodicesimo.

Gara 1 si è svolta in condizioni di caldo e asciutto: entrambi i piloti hanno avuto un buon passo gara e sono stati molto costanti, riuscendo in questo modo a rimontare fino al quinto e sesto posto finale, sfruttando anche le cadute dei piloti che li precedevano in griglia.

“Stamattina abbiamo lavorato bene nelle prove, confermando di aver un buon passo. Nella Superpole abbiamo riscontrato un piccolo problema che ci ha fatto perdere tanto tempo purtroppo” – ha detto Jordi Torres – “Nella gara, ero lì in mezzo ai piloti che sono caduti alla prima curva, ma fortunatamente sono riuscito ad evitare il caos. Dopodiché ho potuto recuperare bene, facendo la mia gara. Mi dispiace perché non abbiamo ancora il passo che vogliamo e che ci meritiamo, ma i dati raccolti oggi possono aiutarci a fare meglio domani. La moto va abbastanza bene, ci sono solo un paio di cose su cui lavorare per renderla più stabile e migliorare le prestazioni delle gomme.”

“Nella Superpole siamo tornati al set-up di ieri e mi sono sentito a mio agio. Con la gomma da gara ero già quinto, ma con quella da qualifica ho avuto una piccola caduta che ha condizionato il mio giro veloce. Avevo ancora il tempo di fare un altro giro ma non ho trovato il giusto feeling con l’anteriore” – ha dichiarato Markus Reiterberger – “Nella gara ero un po’ in mezzo al traffico quando gli altri sono caduti alla prima curva ed ho perso tempo. In seguito sono riuscito a trovare un buon ritmo, ma so che possiamo essere ancora più veloci. Sesto non è male, considerando tutto, ma dovremo fare di più. Sono ancora troppo lontano dai leader a fine gara, perché non ho ancora la fiducia necessaria con l’anteriore. Vorrei ringraziare la mia squadra che sta facendo un bel lavoro questo weekend.”

“Visto che ieri eravamo stati veloci anche con le gomme usate, mi aspettavo di fare qualcosina in più oggi. Mi dispiace per la piccola caduta. Per fortuna sono rientrato subito al mio box ed i ragazzi hanno sistemato quello che c’era da sistemare, ma dopo questo inconveniente la moto non ha funzionato perfettamente” – ha detto Raffaele De Rosa – “Una cosa normale dopo una scivolata. Mi dispiace per il team che ha lavorato duramente per mettere a posto la moto. Ho visto che abbiamo un buon passo, e sono contento, anche se mi dispiace di non aver fatto la pole, un risultato che era alla nostra portata. Ovviamente l’importante è la gara di domani, saremo i soliti a combattere per il podio e io mi sento molto fiducioso.”

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Primo Piano

SBK, Pirelli French Round, Gara1: tre volte Jonathan Rea

Straordinaria impresa del Campione del Mondo che conquista la terza corona iridata. Stoico Sykes che cede a Melandri solo all'ultimo
Condividi su WhatsAppJonathan Rea entra di diritto nella storia del Motorsport completando un’impresa che ha del leggendario: oggi sul circuito