Superbike Misano, Gara 1: Jonathan Rea vince in volata

Corsa dominata dalle due Kawasaki con Van Der Mark che completa il podio. Sfortuna per la Ducati: Davies è coinvolto in un incidente al via e Giugliano cade

Superbike Misano, Gara 1: Jonathan Rea vince in volataSuperbike Misano, Gara 1: Jonathan Rea vince in volata

Superbike, Pirelli Riviera di Rimini Round, Gara 1. Al Misano World Circuit Marco Simoncelli Jonathan Rea conquista la vittoria in Gara 1 al termine di a una bella battaglia con il compagno di team Tom Sykes che lo marca strettissimo fino alla bandiera a scacchi, regalando al pubblico un arrivo in volata.

Ancora sfortuna in casa Ducati, soprattutto per Chaz Davies che rimane coinvolto, dopo pochi metri dal via, in un contatto tra Fores e Lorenzo Savadori, che ha la peggio e deve abbandonare la corsa: gara in salita per lui che si è ritrovato a dover rimontare dal 22esimo posto e conclude quarto, ai piedi del podio.
Davide Giugliano invece parte bene e rimane attaccato a Rea e Sykes, anche se è costretto a guidare al limite per farlo e incappa per questo in una scivolata nel corso dei primi giri: risalito in sella termina 14esimo.

Con l’uscita di scena delle Ducati, il duo Kawasaki fa quindi il vuoto dietro di sé e riesce a impostare il proprio ritmo, impressionante quello di Jonathan Rea, facendo segnare con entrambi i piloti giri da qualifica con un media di 4/5 decimi sugli avversari.

Il podio è completato da un raggiante, e ne ha tutte le ragioni, Michael Van der Mark che torna finalmente tra i primi tre dopo alcune gare opache che lo avevano relegato in posizioni di medio/bassa classifica: per lui una gara consistente e una bella iniezione di fiducia per domani.
Sfortunato invece il compagno di squadra Nicky Hayden che cade nel corso dei primi giri e deve abbandonare la corsa, peccato per lui anche se ieri si diceva preoccupato del proprio passo gara, non così efficace come si aspettava.

Quarto posto, come si diceva, per Chaz Davies: un ottimo risultato se si pensa a come si è messa la gara, un finale però che lascia un po’ di amaro in bocca perché si è visto che il gallese aveva ritmo e velocità per stare con le Kawasaki, e invece ora vede il gap in classifica aumentare non solo da Rea ma anche da Sykes, ora stabilmente secondo.
Buon quinto posto per Jordi Torres, autore di una bella gara costante, che conclude davanti al compagno di team Markus Reiterberger, anche lui autore di una bella rimonta, partito dall’undicesima casella.
Grande soddisfazione per Niccolò Canepa che approfitta anche delle tante cadute viste oggi e conclude settimo, grazie a un buon passo gara, costruito durante le prove libere.
Il suo compagno di team in Yamaha per questo fine settimana, Alex Lowes, invece incappa in una scivolata a pochi giri dal termine mentre era quarto e chiude al 13esimo posto.
Ottavo uno sfortunato Leon Camier, anche lui coinvolto nel contatto tra Fores e Savadori: la sua rimonta come per Davies è partita dalla 22esima posizione.
Nono e decimo posto per Roman Ramos e Anthony West che regalano punti preziosi ai loro rispettivi team, il Pedercini Racing e il GoEleven Kawasaki.

Delusione invece al box del team Iodaracing Aprilia: non solo Savadori è uscito di scena incolpevolmente dopo pochi metri, non partecipato di fatto alla gara, ma Alex De Angelis ha accusato problemi alla sua RSV4 prima del via ed è partito ultimo, stessa cosa accadrà anche purtroppo nella gara di domani.

Vedremo cosa succederà domani in Gara 2, partenza fissata per le 13:00.

Di seguito l’ordine di arrivo di Gara 1:

1. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10R 21 laps
2. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10R +0.090
3. Michael van der Mark NED Honda Racing CBR1000RR +3.093
4. Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati 1199R +5.878s
5. Jordi Torres ESP Althea BMW S1000RR +15.955s
6. Markus Reiterberger GER Althea BMW S1000RR +18.200s
7. Niccolò Canepa ITA PATA Crescent Yamaha R1 +19.385s
8. Leon Camier GBR MV Agusta RC F4 RR +19.918s
9. Roman Ramos ESP GO Eleven Kawasaki ZX-10R +26.272s
10. Anthony West AUS Pedercini Kawasaki ZX-10R +32.593s
11. Josh Brookes AUS Milwaukee BMW S1000RR +36.825s
12. Alex de Angelis RSM IodaRacing Aprilia RSV4 +37.084s
13. Alex Lowes GBR PATA Crescent Yamaha R1 +38.181s
14. Davide Giugliano ITA Aruba.it Racing Ducati 1199R +41.201s
15. Pawel Szkopek POL Team Toth Yamaha R1 +80.992s
16. Peter Sebesteyen HUN Team Toth Yamaha R1 +81.783s
17. Dominic Schmitter SUI Grillini Kawasaki ZX-10R +84.623s
18. Fabio Menghi ITA VFT Ducati 1199R +85.068s
19. Saeed al Sulaiti QAT Pedercini Kawasaki ZX-10R +91.041s
20. Gianluca Vizziello ITA Kawasaki ZX-10R +1 lap

Did not finish

Xavi Fores ESP Barni Ducati 1199R 4 laps
Karel Abraham CZE Althea BMW S1000RR 12 laps
Lorenzo Savadori ITA IodaRacing Aprilia RSV4 20 laps
Nicky Hayden USA Honda Racing CBR1000RR 21 laps
Read more at http://www.crash.net/wsbk/results/231388/1/misano-race-results-1.html#CsgMFYG2tLwkbPcK.99

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    nandop6

    18 Giugno 2016 at 19:53

    Delusione Giuliano, peccato per Davies, si sarebbe giocato la vittoria. Delusione anche da Sykes, ci poteva provare almeno una volta.

  2. Avatar

    max3isback

    19 Giugno 2016 at 08:12

    Visto il ritmo degli ultimi giri, Chaz probabilmente poteva lottare per la vittoria :'( veramente sfortunato..

    Davide, credo che la Ducati deve iniziare a pensare seriamente a cambiarlo, è veloce ma cada una gara si e una no, e non va bene per il mondiale… Peccato anche per l’Aprilia, sfortunati :(

    Si spera bene per oggi..forza Ducati

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati