MotoGP Barcellona: Bautista 8° miglior risultato Aprilia, Bradl 12°

Mai così in alto dal rientro nei GP

MotoGP Barcellona: Bautista 8° miglior risultato Aprilia, Bradl 12°MotoGP Barcellona: Bautista 8° miglior risultato Aprilia, Bradl 12°

GP Catalunya MotoGP GP – Alvaro Bautista ha portato a termine una delle migliori gare da quando è in sella alla Aprilia, chiudendo 8°. È stato nella seconda metà di gara che il pilota spagnolo ha dato il meglio di sé, sorpassando Redding, Miller, Barbera e Petrucci.
La buona giornata degli uomini di Noale è stata suggellata anche dalla 12° posizione di Stefan Bradl.
I progressi Aprilia sono sempre più evidenti.

“Sono veramente soddisfatto di questo risultato – ha gioito Alvaro Bautista – arrivato grazie ad un grande lavoro da parte di tutto il team. Durante le prove ho avuto qualche difficoltà, la moto era instabile e ci siamo dovuti impegnare per trovare un setup che risparmiasse le gomme. Nel warm-up abbiamo deciso di aumentare il depotenziamento, quindi nei primi giri della gara vedevo che gli altri avevano un vantaggio in uscita di curva. Non mi sono innervosito, sono rimasto tranquillo confidando nella bontà del nostro lavoro. Infatti per quanto riguarda il passo le scelte si sono rivelate giuste, ho fatto tanti bei sorpassi e specialmente nella seconda metà gara riuscivo a essere davvero veloce. Peccato per la posizione di partenza, che non rispecchia assolutamente il nostro livello, purtroppo il sabato, dopo la caduta nelle FP4, non ho ritrovato il giusto feeling in qualifica. Domani proveremo su questa pista e cercheremo di continuare la nostra crescita, col pensiero già rivolto ad Assen dove troveremo caratteristiche molto diverse”.

“Abbiamo raggiunto un buon risultato in condizioni non facili – ha spiegato Stefan Bradl – ma non posso essere totalmente soddisfatto. Abbiamo infatti perso molti secondi rispetto ad Alvaro, mentre solitamente il nostro ritmo è piuttosto simile. Ora dobbiamo indagare su questo aspetto in vista delle prossime gare, il lato positivo è che l’unico a superarmi in gara è stato proprio il mio compagno di squadra. Abbiamo capito che in queste condizioni, dove la gestione delle gomme fa la differenza, ogni minima modifica condiziona pesantemente il comportamento della moto. Utilizzeremo i test di domani per approfondire questa situazione e avere le idee più chiare nelle prossime gare”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati