Superbike Imola: sfida di precisione per i piloti

Ritorno al Medioevo per alcuni protagonisti WorldSBK, WorldSSP e STK1000

Superbike Imola: sfida di precisione per i pilotiSuperbike Imola: sfida di precisione per i piloti

La Rocca Sforzesca di Imola ha ospitato un divertente pre-event del Motul Italian Round, in cui alcuni piloti del WorldSBK hanno indossato costumi e si sono sfidati a duello e nella gara del tiro con l’arco.

Prima della competizione vera e propria, c’è stata una cerimonia di rievocazione delle tradizioni medievali: alcuni di loro sono stati coinvolti nella manifestazione, come Davide Giugliano e Leon Camier, mentre è stato “pittoresco” vedere Tom Sykes, che si è subito calato nella parte, eseguire il grido di battaglia .

Nella successiva parte della manifestazione i piloti si sono cimentati nel tiro con l’arco e il compito si è rivelato più difficile di quanto in molti avessero immaginato: Lorenzo Zanetti, pilota Supersport di MV Agusta è andato a vuoto, e Leon Camier in particolare è rimasto un po’ deluso dal risultato, e ha spiegato che in passato si era già esercitato in questa disciplina tanto che possiede anche un arco e le frecce.

La sfida è stata molto divertente e accesa sin dall’inizio, con Giugliano subito leader davanti a tutti tallonato da Sykes, che ha dimostrato di avere molta concentrazione durante le esecuzioni, tanto da totalizzare il doppio dei punti del pilota italiano con un solo colpo.
Il finale è stato molto acceso, con il pilota Honda WorldSSP PJ Jacobsen che è entrato in lizza per il podio, ma la sorpresa è stata Sylvain Guintoli che ha sfidato Sykes con un ottimo tiro, senza però riuscire a superare il suo punteggio di Sykes.
Il francese ha così concluso in seconda posizione, a pari merito con Giugliano, mentre al pilota inglese della Kawasaki sono andati tutti gli onori del vincitore.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati