MotoGP Jerez: Bautista 13° sfiora una storica QP2, Bradl 18°

Una questione di millesimi per Aprilia

MotoGP Jerez: Bautista 13° sfiora una storica QP2, Bradl 18°MotoGP Jerez: Bautista 13° sfiora una storica QP2, Bradl 18°

GP Jerez MotoGP QP – oggi Alvaro Bautista ha rischiato per ben due volte di portare per la prima volta la sua RS-GP Aprilia nella QP2 insieme ai big del campionato.
Nella FP3, dove i primi 10 accedono di diritto alla sessione decisiva delle qualifiche, ha chiuso con l’11° crono a soli 48 millesimi dal pilota che lo precedeva. Stessa sorte nella QP1 in cui ha chiuso 3° – passano il turno i primi 2 – a soli 24 millesimi. Domani Alvaro prenderà il via dalla 13° casella – comunque miglior prestazione dal rientro di Aprilia in MotoGp.
Giornata per più difficile per Stefan Bradl che partirà 18°.

“Abbiamo lavorato bene da stamani – ha spiegato Alvaro Bautista – sia sulla ciclistica che sull’elettronica e montando anche le ali, che servono perché in questa categoria e con distacchi così bassi ogni particolare diventa importante. Già dalle libere del mattino ero contento e la qualifica alla QP2 è stata davvero vicina. Abbiamo provato le stesse modifiche nel pomeriggio, testando anche gomme più dure, ed è andata ancora bene, abbiamo migliorato la sensazione generale e anche il passo. Insomma, è stata una giornata positiva, forse in QP1 avrei potuto fare anche un po’ meglio ma è di certo la mia migliore qualifica con Aprilia. La corsa sarà difficile perché le gomme caleranno e quindi si tratterà di gestirle bene fin dall’inizio, ma è la gara di casa e voglio fare bene!”.

“Oggi – ha detto Stefan Bradl – abbiamo continuato a provare molte cose differenti nei due turni di prove libere, specialmente per migliorare il feeling con la gomma anteriore dura che dovremo utilizzare con le alte temperature. Alla fine abbiamo trovato un buon setting per il passo gara. Sono fiducioso perché la situazione è migliore di quanto sembri dai risultati della qualifica. Non posso dire di essere totalmente soddisfatto perché in QP1 non sono riuscito a trovare un giro perfetto, ovviamente mi sarebbe piaciuto partire più avanti ma la situazione sulla costanza di rendimento mi rende ottimista per la gara di domani”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati