MotoGP Austin: segnali incoraggianti dalle Aprilia

Bardl 16° e Bautista 19°

MotoGP Austin: segnali incoraggianti dalle ApriliaMotoGP Austin: segnali incoraggianti dalle Aprilia

MotoGP 2016 GP delle Americhe QP – finalmente nel weekend di Austin in Texas le due Aprilia hanno fatto un passo avanti prestazionale sia nei turni di prove libere che di qualifica.
Stefan Bradl ha infatti sfiorato la top-15 conquistando la 16° casella sullo schieramento di partenza, mentre Alvaro Bautista scatterà dalla 19° posizione. L’obiettivo per entrambi è la zona punti.

“Per me è stata una buona qualifica – ha detto Stefan Bradl – l’unico rammarico è non essere riuscito a mettere in fila le mie migliori prestazioni nei vari settori. Nel giro lanciato ho dovuto anche superare un pilota, perdendo qualche decimo nel lungo rettilineo, ma sono comunque soddisfatto, soprattutto perchè nelle sesioni di prova abbiamo trovato delle buone soluzioni, che ci permettono di avere un buon passo gara anche con gomme usate. Sarà una corsa interessante, su una pista così difficile la RS-GP si sta comportanto bene, siamo nella giusta direzione. Abbiamo ancora qualcosa da provare nel warmup, specialmente l’opzione di gomma posteriore dura che valuteremo”.

“Questa mattina – ha spiegato Alvaro Bautista – abbiamo fatto una prova molto importante sulla ciclistica per provare a migliorare ma non ha dato i frutti sperati, Nel pomeriggio abbiamo quindi fatto modifiche meno pesanti, nella direzione che ci sembrava la più corretta, e ho provato ad utilizzare la gomma posteriore dura. Tutto sommato non è andata male, molto dipenderà dalla temperatura che troveremo domani in gara. Dobbamo migliorare in accelerazione, in uscita di curva la moto tende a diventare instabile e questo ci fa perdere tempo. In qualifica ho migliorato il mio tempo e potevo anche fare meglio, purtroppo sono stato disturbato da un altro pilota. In ogni caso sappiamo di poter crescere molto in gara, vedremo il meteo domani e cercheremo di fare bene”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati