MotoGP Argentina: La Michelin racconta un week-end molto impegnativo

La gara Argentina è stata un duro banco di prova per il fornitore unico di pneumatici

MotoGP Argentina: La Michelin racconta un week-end molto impegnativoMotoGP Argentina: La Michelin racconta un week-end molto impegnativo

Michelin MotoGP – IL Gran Premio d’Argentina verrà ricordato a lungo dalla Michelin e da tutti gli appassionati delle due ruote. La casa francese, che rientra quest’anno come fornitore unico di pneumatici, ha avuto infatti un bel da fare, dopo che nelle FP4 c’era stato un’evidente problema alla gomma posteriore della Ducati di Scott Redding. Sabato sera d’accordo con Dorna, IRTA e tutte le squadre, si era optato per far correre i piloti con una nuova mescola, mai provata prima, con l’aggiunta di ulteriori 30 minuti extra di prove libere.

La pioggia caduta nella notte ha però impedito questa soluzione e alla fine si è optato per una gara flag-to-flag con i piloti che erano “obbligati” a cambiare moto tra il nono e l’undicesimo giro, questo per non mettere troppo sotto pressione gli pneumatici. Ne è nata una gara mozzafiato, che ha visto trionfare Marc Marquez, al suo primo successo della stagione. Sul podio anche Valentino Rossi e Dani Pedrosa, che hanno approfittato del patatrac Ducati, con Iannone che a pochi metri dal traguardo, mentre era terzo, ha “falciato” il team-mate Andrea Dovizioso, con entrambe le Ducati a terra.

“Vorrei innanzitutto ringraziare Dorna, IRTA e tutte le squadre per la comprensione e l’assistenza in quella che è stato un weekend molto impegnativo per noi. La decisione che abbiamo preso con la Race Control con l’introduzione del pneumatico extra era quella giusto per garantire la sicurezza del pilota e la modifica al programma per avere un’altra sessione di prove era la soluzione migliore – ha detto Nicolas Goubert, vice direttore, direttore tecnico e responsabile del programma Michelin MotoGP – purtroppo il meteo ha cambiato le carte in tavola e abbiamo dovuto fare ulteriori piani alternativi. Come sempre la sicurezza del pilota è la nostra preoccupazione fondamentale e abbiamo voluto fare tutto quanto in nostro potere per fare in modo che in gara non si verificassero incidenti. Alla fine è stata una gara molto eccitante.”

“Questo è stato un weekend molto difficile per noi, ma fa tutto parte del processo di apprendimento.
Dobbiamo prendere tutte le informazioni e gli aspetti positivi da quella che alla fine è stata una buona gara e bisogna andare avanti – ha detto Piero Taramasso, Responsabile Michelin Motorsport a due ruote – Ora andiamo ad Austin, un’altra pista per noi completamente nuova, ma siamo pronti per il compito che ci attende e faremo tutto il possibile per garantire una gara sicura e competitiva per tutti.”

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    max3isback

    4 aprile 2016 at 19:22

    La sicurezza del pilota è la nostra preoccupazione…

    Per questo gli cambiamo i piani delld gomme tutti i giorni e ogni tanto ne facciamo esplodere qualcuna lol… Speriamo che veramente si impegnino con ste gomme se no poveri ragazzi ad Austin…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati