MotoGP Argentina: Redding dopo lo scampato pericolo è 14°, Pirro 18°

Grande paura per il pilota del Team Ducati Pramac

MotoGP Argentina: Redding dopo lo scampato pericolo è 14°, Pirro 18°MotoGP Argentina: Redding dopo lo scampato pericolo è 14°, Pirro 18°

GP Argentina MotoGP QP – nella sessione di FP4 Scott Redding è stato vittima di un grave problema che ha colpito la sua Michelin posteriore determinando lo scollamento del battistrada dalla carcassa. Fortunatamente il pilota britannico è riuscito a rimanere in piedi nonostante lo sfaldamento della parte esterna della gomma abbia distrutto il codone della sua Ducati e gli abbia inferto una frustata sulla schiena. È indubbio che l’incidente abbia tolto feeling al pilota che non è poi riuscito a qualificarsi per la Q2 chiudendo al 14° posto con il crono di 1’40.750.
Impresa per Michele Pirro che, dopo aver saltato i primi due turni di prove libere a causa del test Superbike in cui era impegnato per Ducati a Valencia, è volato nella notte in Argentina per salire subito in moto e chiudere le qualifiche con il 18° tempo 1’41.116.

“Non è stato un bel giorno per me fin dall’inizio – ha spiegato Scott Redding. Le Fp3 non sono andate bene. E quando iniziavo ad intravedere la strada giusta in FP4 è arrivato il problema. E’ stato davvero pauroso. Ho sentito del chattering con la ruota posteriore poi qualcosa mi ha colpito. Ho visto volare ovunque pezzi della moto. Pensavo che la gomma fosse scoppiata e mi stavo preparando ad una brutta caduta. Ma qualche istante dopo ho sentito che la ruota tornava a girare, c’era ancora aria. Sono riuscito ad uscire di pista senza cadere e mi sento fortunato per essere qui in piedi a raccontarlo. Sono andato in Q1 determinato ma è chiaro che la fiducia, soprattutto in quella curva, non fosse al massimo. Per essere onesto però mi sento bene per domani. Stamattina abbiamo faticato molto ma nel pomeriggio sono stato sui tempi della Q2. Domani Sarà una gara lunga, se riuscirò a trovare costanza allora potrà succedere di tutto”.

“Prima di tutto voglio ringraziare il team che mi hanno dato una moto molto competitiva – le parole di Michele Pirro. E mi dispiace perché avrei potuto fare un po’ meglio. Si, mi aspettavo un po’ di più ma non sono riuscito a fare un giro buono completo, come indica anche l’ideal time. Mi dispiace perché qualche posizione l’avrei potuta rosicchiare. Mi manca qualcosa, è normale. Ma spero di fare una buona gara. Mi manca un po’ di feeling anche perché a Valencia ho girato con una moto diversa. Cercheremo di controllare i dati e fare un miglioramento per domani perche sono convinto di poter fare una buona gara”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati