MotoGP Qatar: Danilo Petrucci “Un mese dopo l’infortunio era dura oggi, ma sono davvero contento”

Ottimo ritorno in pista per il ternano, buono anche l'esordio di Redding che chiude 10°

MotoGP Qatar: Danilo Petrucci “Un mese dopo l’infortunio era dura oggi, ma sono davvero contento”MotoGP Qatar: Danilo Petrucci “Un mese dopo l’infortunio era dura oggi, ma sono davvero contento”

Danilo Petrucci Scott Redding MotoGP 2016 Gp Qatar Ducati Pramac – Danilo Petrucci chiude con il 15° tempo la prima sessione di libere a Losail un ottimo risultato per il pilota tornato in sella alla sua Ducati a soli 28 dalla brutta caduta di Phillip Island che gli è costata la frattura del secondo, terzo e quarto metacarpo della mano destra.
Petrux ha superato brillantemente l’esame della Fp1 e dopo essere rientrato a metà del secondo giro per togliere il tutore dalla mano destra ha completato con determinazione 17 giri chiudendo addirittura in crescendo per piazzare nell’ultima tornata il tempo di 1:56.981 che vale la 15° posizione ma soprattutto gli regala tanta fiducia.

Buona la prima anche per il suo team mate, Scott Redding, che dopo l’ottimo test svolto qui 15 gioni fa inizia ora con il 10° tempo la Fp1.

“Dopo un mese lontano dalla moto è stato difficile ricominciare – ha affermato Danilo Petrucci – Confesso che fino ad un’ora prima dell’inizio del turno ero molto preoccupato. Dopo il primo giro ho tolto il tutore perché non mi dava fiducia. Poi le cose sono migliorate e adesso sono davvero contento. Devo recuperare la fiducia e ovviamente superare la paura di cadere. C’è sempre un po’ di timore, soprattutto nelle curve a destra. Ma sono felice perché non pensavo di riuscire a girare così. Ringrazio chi mi ha aiutato in questo momento difficile, i medici che mi hanno operato in Australia, il dottor Zasa e la Clinica Mobile che mi ha seguito nelle terapie, il dottor Catani per i consulti medici e i consigli preziosi. Per quanto riguarda il feeling con la moto è stato subito positivo. I ragazzi hanno fatto davvero un gran lavoro durante i test. Adesso devo solo ritrovare il coraggio e la fiducia per frenare un po’ dopo e aprire il gas un po’ prima”

“Il feeling è un po’ differente rispetto a quello dei test – ha aggiunto Scott Redding – Ma devo dire che con il team abbiamo le idee molto chiaro su cosa dobbiamo fare e sappiamo la direzione che dobbiamo prendere domani. Con la gomma dura le cose non sono andate molto bene, su questo c’è da lavorare. Ma con la gomma morbida abbiamo fatto meglio e domani vogliamo riprendere da questo punto. Il circuito? Le condizioni sono differenti da quelle dei test. Non sono migliori o peggiori semplicemente differenti. Alla fine il tempo non è male ma domani mi aspetto di fare meglio”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    Lyon66

    18 marzo 2016 at 13:42

    Auguri Petrux, sei un grande

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati