Superbike: Anteprima Pirelli per il Motul Thai Round

Vediamo quali soluzioni i piloti avranno a disposizione per il secondo appuntamento del campionato.

Superbike: Anteprima Pirelli per il Motul Thai RoundSuperbike: Anteprima Pirelli per il Motul Thai Round

Pirelli, fornitore unico di pneumatici per il Mondiale Superbike, si sta preparando per la prossima tappa del campionato, in programma a Buriram in Thailandia dall’11 al 13 marzo, cui seguirà il primo Pirelli Track Days del 2016, evento che coinvolge gli appassionati di tutto il mondo in alcuni dei circuiti più belli, che hanno la possibilità di provare le loro moto affiancati dagli uomini Pirelli.

Il Chang International Circuit, inaugurato a ottobre 2014 ed entrato in calendario lo scorso anno, Thailand,è stato disegnato dall’architetto Hermann Tilke e costruito vicino alla città di Buriram, a 400 km da Bangkok.

Il tracciato è lungo 4.554 km e ha 12 curve totali, 7 a sinistra e 5 a destra, e non presenta particolari criticità per la gestione dei pneumatici, date le già note condizioni di temperature elevate, intorno ai 30 gradi l’aria e 50 l’asfalto, e umidità.

Per questo evento, Pirelli ha deciso di portare soluzioni standard, ovvero quelle che si trovano in vendita sul mercato mondiale: vediamo insieme quali sono le scelte per le classi Superbike e Supersport, le uniche a gareggiare in Thailandia, per un totale di 2695 gomme tra asciutte, intermedie e bagnate.

Partendo dalla Superbike, i piloti potranno scegliere tra 5 soluzioni Slick, due per l’anteriore, la SC1 S1699 di sviluppo già usata qui lo scorso anno e la SC2 standard, e tre per il posteriore.
Per questo tipo le scelte sono la standard SC0, che ha una componente morbida adatta per le alte temperature, la SC1 S1867 di sviluppo che si differenzia per la componente di media durezza, che garantisce una tenuta migliore.
In Supersport sarà disponibile solo la standard DIABLO ™ Supercorsa SC: per l’anteriore la SC1 e SC2, per il posteriore invece le soluzioni sono la SC0, per le alte temperature non adatta però in condizioni di asfalto abrasivo, e la SC1 a metà tra le soluzioni soft e hard.

Di seguito le statistiche di Pirelli a seguito del round 2015:

• totale pneumatici portati: 3312;
• Numero di soluzioni (asciutto, intermedio e bagnato) per la Superbike: 4 anteriori and 5 posteriori;
• Numero di pneumatici a disposizione per ogni pilota Superbike: 30 anteriori e 30 posteriori;
• Numero di soluzioni per la Supersport (asciutto, intermedio e bagnato): 4 anteriori e 4 posteriori;
• Numero di pneumatici a disposizione per ogni pilota Supersport: 23 anteriori e 24 posteriori;
• Superbike Best Lap Awards: Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) con 1’33.969 in Gara 1 nel secondo giro, e 1’33.817 in Gara 2 sempre nel corso della seconda tornata;
• Supersport Best Lap Award: Jules Cluzel (MV Agusta Reparto Corse) con un 1’37.887 registrato nel 12 passaggio;
• Temperature in Gara 1: aria 33° C, asfalto 50° C
• Temperature in Race 2: aria 32° C, asfalto 48° C
• Massima velocità raggiunta in gara per la Superbike: 307.7 km/h in Gara 2 da Jordi Torres (Aprilia Racing Team – Red Devils) nel corso del secondo giro;
• Massima velocità raggiunta in gara per la Supersport: 267.3 km/h da Patrick Jacobsen (Kawasaki Intermoto Ponyexpres) nel secondo giro e da Alex Baldolini (Race Department ATK25) nel terzo passaggio.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Il punto sui test al Lausizring

Settimana scorsa si è svolta una due giorni di prove che ha visto impegnati diversi protagonisti del campionato
Condividi su WhatsApp Mercoledì e giovedì della settimana scorsa, , 17 e 18 agosto, si è svolta, in condizioni climatiche