Superbike: Fine settimana positivo per il Team Althea BMW

Buon esordio per Torres e Reiterberger, nonostante una caduta del tedesco in Gara 1

Superbike: Fine settimana positivo per il Team Althea BMWSuperbike: Fine settimana positivo per il Team Althea BMW

Il Yamaha Finance Australian Round, svoltosi lo scorso weekend sulla pista di Phillip Island, è stato un primo appuntamento molto avvincente, con due gare in cui i piloti si sono dati battaglia senza sosta, e dall’esito per nulla scontato.

La nuova formula studiata dalla Dorna, che prevedere ora Gara 1 al sabato, ha fatto il suo esordio proprio in Australia, regalando come era auspicabile, grande spettacolo, con in griglia 23 piloti di 13 diverse nazionalità per 7 diversi costruttori.

Purtroppo la prima Tissot-Superpole della stagione non ha portato grosse soddisfazione ai due piloti del team Althea BMW, che non riescono ad accedere alla seconda manche, fermandosi all’undicesima, Reiterberger, e dodicesima posizione, Torres.

Nella prima corsa, partiti quindi dalla quarta fila, allo spegnersi del semaforo il tedesco ha un buono spunto e mantiene la decima posizione, mentre lo spagnolo scivola in sedicesima.
Torres deve così iniziare rapidamente una rimonta che lo porta all’ottavo posto finale, mentre il
compagno di team, il pilota più giovane in griglia, dopo una entusiasmante battaglia proprio con lui e Leon Camier, scivola all’ultimo giro alla curva 12 e perde la sua prima top ten della stagione.

In Gara 2 Reiterberger fa ancora una buona partenza che lo porta al nono posto, mentre Torres resta intrappolato nel traffico complice un pessimo avvio, e si trova quindicesimo al primo giro.
Lo spagnolo taglia il traguardo in settima posizione finale ai danni proprio del compagno di team, ottavo.

La settimana è stata caratterizzata da due scivolate nei test per pilota, oltre a quella una in Gara 1 di Reiterberger, per cui la conseguente condizione fisica di entrambi i piloti non è stata certamente perfetta, soprattutto per Torres.
Nonostante questo, in casa Althea si prepara il secondo round, in Thailandia, con grande entusiasmo e consapevolezza di avere in mano un ottimo potenziale a livello di moto, con le BMW S 1000 RR, e di piloti.

“Ho avuto un problema nella partenza e ho capito che dobbiamo lavorarci ancora un po’. Alla fine abbiamo ottenuto un buon passo di gara, passato il traffico della partenza, mi sono liberato e ho iniziato pilotare come volevo, mi sono sentito a mio agio sulla moto, ho preso fiducia e ho provato a scappare in avanti, ma non ci sono riuscito” – ha dichiarato Jordi Torres – “Sono soddisfatto perché abbiamo molte più informazioni di prima e stiamo iniziando a capire come muoverci per la gara. Sono felice che la prossima gara sia in Thailandia perché l’anno scorso gareggiare lì mi è piaciuto molto: c’è un sacco di gente simpatica e lo spettacolo è assicurato”.

“In questa seconda gara ho un po’ lottato alla partenza. All’inizio del primo giro credo di aver perso qualche posizione che ho subito riguadagnato. La gara mi ha divertito, ho fatto una bella battaglia con Brookes a cui ero sempre molto vicino” – ha detto Markus Reiterberger – “Poi ho fatto un errore e lui mi ha passato. Questo mi ha fatto arrabbiare ma all’ultimo giro sono riuscito a superarlo. Non mi accontento dell’ottava posizione, ma sono felice di essere riuscito a finire la gara e di non essere più caduto, ma anche che siamo riusciti a sistemare tutti i piccoli problemi che abbiamo avuto nel week end. Ora mi riposerò un po’ per recuperare la forma fisica in vista della gara della Thailandia”.

“Complessivamente sono molto contento del primo week end di gare con le nostre nuove BMW S 1000 RR, dove abbiamo potuto finalmente capire il nostro punto di partenza dopo il breve lavoro fatto a casa durante i test. Sono soddisfatto per il 7° e 8° posto di Torres e di Reiterberger. Ovviamente lavoriamo per essere molto più avanti, ma quello che oggi ha penalizzato molto specialmente Jordi è stata una cattiva partenza, che già al secondo giro aveva creato un gap di 5” col gruppo di testa” – ha detto Genesio Bevilacqua – “Markus, pur avendo sofferto per un incidente importante in gara 1, ha gestito egregiamente il dolore alla mano destra e al piede sinistro, con il quale ha dovuto lottare per tutta la gara.
Sono molto fiducioso del lavoro del team e dei tecnici bavaresi, che hanno raccolto più dati da questa gara per reagire prontamente reagire alla prossima, in Thailandia”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati