Superbike: Buone sensazioni per il team Milwaukee BMW nei test di Aragon

Il team ha raccolto dati importanti, nonostante le difficili condizioni meteorologiche.

Superbike: Buone sensazioni per il team Milwaukee BMW nei test di AragonSuperbike: Buone sensazioni per il team Milwaukee BMW nei test di Aragon

Dopo il debutto in occasione dei test privati di Jerez de la Frontera alla fine di gennaio, il team Milwaukee BMW si è presentato la scorsa settimana, mercoledì 3 febbraio, al Motorland Aragon per una nuova giornata di prove volte a conoscere meglio la moto e lavorare sul set-up.

Nonostante condizioni meteo non favorevoli, con il vento che ha ostacolato le attività, i piloti sono riusciti lo stesso a scendere in pista.

“Tutti hanno lottato contro le difficili condizioni meteo, ma siamo comunque riusciti a fare giri in entrambi i giorni ed è stato utile. Abbiamo fatto progressi sulle sospensioni della moto, ma non abbiamo ancora trovato la giusta soluzione” – ha detto Josh Brookes – “La parte anteriore ha funzionato abbastanza bene, ma abbiamo davvero faticato con la parte posteriore. Abbiamo fatto un grosso cambiamento che ha migliorato la guidabilità in curva e il carico posteriore, perdendo però aderenza. Il giovedì ho potuto spingere di più. Abbiamo utilizzato alcuni set-up dello scorso anno e alla fine mi sentivo meglio, ma non siamo ancora dove vorremmo. Avremo alcune parti nuove da Öhlins e Suter, in tempo per Phillip Island, che ci dovrebbero aiutare, sappiamo che la moto può ancora migliorare molto. In vista del primo turno bisogna ora raccogliere i dati di Jerez e Aragon, e sono entusiasta di iniziare a correre davanti ai miei tifosi di casa”.

“Mercoledì è stata una giornata difficile, il vento era molto forte, ma abbiamo fatto un buon lavoro nel box, sulla sospensione della mia moto e sull’elettronica. Abbiamo fatto alcuni giri molto buoni il giovedì utilizzando i dati raccolti il giorno prima” – ha dichiarato Karel Abraham – “Ho avuto un piccolo problema tecnico nel pomeriggio, ma abbiamo risolto in fretta e lavorato un po’ sul set-up. È stato un peccato non aver potuto fare un maggior numero di giri veloci come volevamo, ma è stato un test molto utile. Ho scoperto molte cose sul mio stile di guida e su come adattare la moto a me. Ora sono davvero impaziente di andare a Phillip Island, è una pista che mi piace e l’ultimo test sarà molto importante per noi”.

“Nel complesso è stato un buon test per noi; non potevamo davvero spingere di più, ma siamo stati in grado di fare un sacco di lavoro sul set-up della moto e i piloti sono riusciti ad entrare più in sintonia con le loro moto” – ha aggiunto Mick Shanley, il coordinatore del team – “Abbiamo provato una nuova forcella e siamo riusciti ad ottenere buoni progressi con l’elettronica, che abbiamo sviluppato molto da Jerez. Abbiamo ottenuto quello che volevamo, ovvero una buona consistenza e, a parte un piccolo problema per Karel, siamo soddisfatti di come le moto hanno funzionato. Ora ci dirigeremo a Phillip Island per il test finale pre-stagionale in vista della nostra prima gara WorldSBK, e il team è entusiasta di dimostrare quello che possiamo fare”.

La presentazione ufficiale del team Milwaukee BMW avverrà poco prima della partenza per l’Australia, in cui vedremo la nuova formazione nei test ufficiali 22 e 23 febbraio, prima del round d’esordio sempre sul circuito di Phillip Island, dal 26 al 28 febbraio.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

BMW lancia la nuova S 1000 RR

La nuova nata sarà affidata al Team Althea Racing e a IodaRacing Project
Condividi su WhatsApp Come i rivali nel campionato mondiale delle derivate di serie Honda e Kawasaki, anche BMW Motorrad ha