Superbike: Per Monza si dovrà aspettare ancora un anno

I lavori di omologazione non saranno terminati in tempo utile. Al suo posto sembra probabile Brno

Superbike: Per Monza si dovrà aspettare ancora un annoSuperbike: Per Monza si dovrà aspettare ancora un anno

Brutte notizie per tutti gli appassionati: l’autodromo di Monza non farà in tempo a compiere le modifiche del tracciato necessarie per ospitare il mondiale delle derivate di serie, che tornerà solo nel 2017.

La direzione del circuito ha annunciato che i lavori di ristrutturazione non saranno terminati in tempo utile per il round del mondiale, programmato per il prossimo 24 luglio.

E’ un vero peccato perché finalmente il progetto era stato avviato, dopo le lunghe trattative che avevano visto tra le parti anche la FIA per gli ovvi interessi legati alla F1, e prevede un nuovo tratto di pista a tagliare la prima variante e il Curvone, e allargare le vie di fuga, secondo le richieste di Dorna e Federmoto Internazionale.

Gli accordi con la stessa Dorna prevedono che a sostituire, nell’eventualità, Monza ci sarebbe dovuto essere il circuito di Vallelunga, per mantenere a tre il numero delle tappe italiane del mondiale Superbike.
Anche qui però ci sarebbe un problema legato ad alcuni lavori alle infrastrutture che la proprietà sta facendo e che potrebbero non essere terminati prima di luglio.
A questo punto potrebbe entrare in gioco, come terza opzione, il circuito di Brno, che ha dalla sua molti punti di “forza”: il gradimento di Pirelli, che non ha una tappa nell’est Europa in Superbike, e della BMW che nel 2016 schiererà tra le sue fila l’ex pilota MotoGp Karel Abraham, figlio del proprietario del circuito.

Aspettiamo quindi di conoscere il calendario ufficiale 2016.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Primo Piano

Superbike: Monza ritorna già nel 2015?

La società proprietaria dell'Autodromo sta lavorando al progetto insieme a FIM e Dorna
Condividi su WhatsApp Settimana scorsa si è tenuto un incontro tra la SIAS (Società Incremento Automobilismo e Sport), attuale proprietaria