Chaz Davies: ritratto di un campione normale

Il gallese raccontato da Alberto Colombo, suo braccio destro in pista

Chaz Davies: ritratto di un campione normaleChaz Davies: ritratto di un campione normale

Nel mondo della velocità quella del capotecnico è una figura molto importante, il cui compito principale consiste nello stabile una simbiosi totale con il proprio pilota, di cui è quindi il consigliere, lo stratega e perché no, il confessore.

Un rapporto simile è fondamentale ma richiede tempo, tanto che è ormai prassi comune che molti piloti portino con sé i propri uomini di fiducia per affrontare nuove sfide, ed è quello che ha fatto Chaz Davies con Alberto Colombo, meglio conosciuto come “Moro”, che gli fa da spalla dal 2012.
Il 48enne lombardo, alla vigilia della quinta stagione con il pilota Ducati, ha condiviso in una bella intervista rilasciata a WorldSBK.com alcuni particolari del loro rapporto.

D: Com’è iniziato il sodalizio tra te e Chaz?
R: “Eravamo nella stessa squadra nel 2011, ma non ero io il suo referente. Nei test però gli ho dato parecchi consigli, che evidentemente gli sono piaciuti, perché dall’anno successivo abbiamo iniziato a lavorare insieme”.

D: Come si è evoluto il rapporto negli anni?
R: “Siamo diventati molto amici, ci sentiamo spesso anche fuori dalla pista. La stima e la fiducia sono reciproche e totali, ma per il fatto che abitiamo lontano, ci vediamo poco. Di fatto, ci incontriamo praticamente solo in pista, dove la tensione delle gare è palpabile, ed è difficile portare avanti un rapporto personale”.

D: Professionalmente, che tipo di relazione avete instaurato?
R: “Molto serena. Non abbiamo mai avuto problemi o discussioni. Probabilmente, Chaz si fida di me. Era già un buon pilota prima che iniziassimo a lavorare insieme, ma direi che, per quanto riguarda il percorso svolto, i risultati parlano da sé”.

D:Qual è l’elemento basilare nel vostro approccio alle gare?
R:“Abbiamo sempre lavorato con metodo, facendo una buona progressione. Con Ducati abbiamo raccolto una sfida, lavorando duramente per portare la Panigale R alla vittoria. Chaz è stato il primo a portarla in cima al podio, arrivando a renderla una moto da titolo”.

D:Quali sono, dal tuo punto di vista, i punti di forza di Chaz?
R: “Fuori dalla pista è estremamente professionale, non sgarra mai. Vive per fare il pilota ed è preparatissimo fisicamente e mentalmente. Non ha distrazioni. È anche molto umile, resta sempre con i piedi per terra. E poi in gara dà il meglio di sé. È molto determinato e riesce a ragionare più di molti altri mentre corre, probabilmente anche perché è molto allenato fisicamente. Addirittura mi dà l’impressione di essere ancora più forte nella seconda manche, quando molti altri invece sembrano più stanchi”.

D: E i punti deboli?
R: “Non è una debolezza in sé, ma in prova gli manca ancora un pizzico per essere velocissimo. D’altronde devi anche prenderti dei rischi per farlo, e secondo me lui ha trovato un giusto compromesso”.

D: Che caratteristiche ha il pilota ideale, dal punto di vista del capotecnico?
R: “Non esiste il pilota perfetto, ma è importante che sia innanzitutto educato e rispettoso con la squadra. Farsi voler bene, nei box, è fondamentale. Un pilota può anche non essere il più veloce e vincente, ma deve essere un bravo ragazzo e mantenere l’umiltà. A questo livello, per vincere, bastano due decimi al giro per fare la differenza. Si parte dalle doti umane, che Chaz possiede, così tutta la squadra si fa in quattro più volentieri. È una cosa sottile ma importantissima. Il pilota influenza la squadra, ed il carisma e la personalità fanno la differenza”.

D: Chaz ha anche la fama di pilota particolarmente meticoloso. Come si articola tipicamente il vostro lavoro dopo le prove?
R: “Lui è molto preciso, non esce dagli schemi. Ha i suoi metodi e li segue, ed in pista facciamo spesso tardi nei briefing. A volte andiamo avanti ben dopo l’ora di cena, fino a notte fonda, soprattutto nella fase dello sviluppo della moto. Sono pochi i piloti in grado di fare un lavoro così difficile senza perdere lucidità e motivazione. Il nostro è un lavoro bellissimo, ma duro”.

D: Qual è il tuo bilancio del 2015?
R: “Molto positivo. La crescita è stata costante. Già a inizio anno eravamo competitivi ma da metà stagione in poi, dopo i test di Portimão, abbiamo fatto un passo avanti decisivo. La progressione tra Misano, Laguna Seca, e Sepang è stata memorabile. E le cose sarebbero potute andare anche meglio se Giugliano fosse riuscito a disputare tutta la stagione. Davide avrebbe senza dubbio dato un contributo importante per migliorare ancora”.

D: Fuori dalla pista, che tipo è Chaz?
R:“Molto posato, tranquillo. Vive come noi ‘umani’, normalmente. È una cosa anomala per un pilota, come il fatto che spesso parta prima delle gare e vada a fare turismo, documentandosi ed immergendosi nella cultura locale. E poi ha una grande passione per il caffè e tutti i suoi derivati. Si è procurato una macchina professionale e sta facendo un corso da barista”.

Escluse queste piccole passioni, Davies rimane sempre totalmente concentrato sulle corse, forte non solo delle proprie indiscusse capacità, ma di un team molto forte e unito alle spalle.
La proverbiale asticella è stata alzata con 5 vittorie, per un totale di 18 podi complessivi, che lo hanno portato al secondo posto in campionato nel 2015, di conseguenza gli obiettivi fissati per la questa stagione sono ancora più ambiziosi.
Vedremo se il 2016 riserverà qualche sorpresa.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    fatman

    18 Gennaio 2016 at 19:11

    …grande Chaz, vero pilota Ducati…non come qualcun altro…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati