Superbike: Test positivi per il team Aruba Ducati a Jerez

Davies in costante progressione, ma la nota più positiva é stato il ritorno in pista di Davide Giugliano

Superbike: Test positivi per il team Aruba Ducati a JerezSuperbike: Test positivi per il team Aruba Ducati a Jerez

L’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team ha concluso positivamente la stagione con tre giorni di prove sul circuito di Jerez, completata anche dalla bella notizia del rientro in pista di Davide Giugliano dopo quattro mesi di stop.

Il meteo favorevole ha consentito di sfruttare tutto il tempo a disposizione in pista e di terminare con successo il programma di lavoro: Davies e Giugliano hanno percorso rispettivamente 177 e 169 giri in totale, effettuando diverse prove comparative e valutando gli ultimi aggiornamenti sviluppati per la Ducati Panigale R in configurazione Superbike 2016.
Per il pilota gallese, vice Campione del Mondo, il miglior crono fatto registrare è stato di 1’40.774, mentre per l’italiano di 1’41.047.

Entrambi i piloti hanno offerto riscontri positivi sia in termini di ciclistica che di motore ed apprezzato le nuove soluzioni elettroniche.
Molto lavoro è stato dedicato anche alle nuove forcelle Öhlins, che hanno evidenziato una migliore stabilità e precisione di guida.
Per Davide Giugliano è stata anche la prima presa di contatto sul campo con il suo nuovo capotecnico Aligi Deganello e l’ingegnere elettronico Paolo Biasio, con i quali ha lavorato intensamente nelle tre giornate a disposizione.

L’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team si concederà ora la pausa invernale stabilita dalla Federazione e tornerà in pista il 22-23 gennaio sul circuito di Portimão (Portogallo) per i primi test 2016.

“Fortunatamente questa volta abbiamo potuto lavorare in condizioni meteo stabili, valutando nel dettaglio i nuovi componenti ed iniziando a lavorare sull’assetto. Rispetto alla scorsa settimana ad Aragon, abbiamo trovato conferme importanti” – ha detto Chaz Davies – “Il nuovo materiale rappresenta un passo avanti. In particolare, la nuova forcella restituisce un feedback più dettagliato e sincero. Nonostante le condizioni climatiche differenti, abbiamo anche potuto lavorare con le configurazioni utilizzate in gara lo scorso settembre, facendo delle comparazioni molto utili. Ci siamo concentrati sul ritmo, ed ho tenuto un passo in linea con il mio miglior tempo, fatto con gomme da gara”.

“Il bilancio è molto positivo. La Panigale R è migliorata durante la mia assenza, e logicamente è anche cambiata. Ho voluto innanzitutto ritrovare gli automatismi ed adattarmi alla moto nella sua configurazione attuale, per poi iniziare il lavoro su un assetto di base” – ha detto Davide Giugliano – “Ho appena conosciuto la mia nuova squadra, ed è sicuramente emozionante lavorare con persone di così alto livello. Ci siamo concentrati sul passo, dal momento che la velocità pura non ha rappresentato un problema in passato, svolgendo un ottimo lavoro con gomme usate. Dal punto di vista fisico è andata meglio di quanto mi aspettassi, anche se ho sofferto un po’ con le braccia. Fino ad ora ho potuto solo fare riabilitazione ed allenarmi in piscina, ma ora inizierò una preparazione più strutturata per presentarmi ai primi test del 2016 al massimo della forma”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati