MotoGP: Michelin, “Sull’anteriore dobbiamo lavorare tanto”

Parla Nicolas Goubert, direttore tecnico di Michelin Motorsport

MotoGP: Michelin, “Sull’anteriore dobbiamo lavorare tanto”MotoGP: Michelin, “Sull’anteriore dobbiamo lavorare tanto”

MotoGP 2016 Michelin – Nicolas Goubert, direttore tecnico di Michelin, ha fatto il punto della situazione dopo i test di Valencia. I piloti avevano elogiato il posteriore della casa francese, dicendosi invece preoccupati dell’anteriore, che tante cadute ha provocato, a lui la parola.

Alla luce degli ultimi test, qual è la vostra valutazione?

“È stato un test molto importante, tutti erano concentrati sul 2016 già e siamo stati anche molto fortunati per le condizioni meteo di cu abbiam goduti. Abbiamo avuto alcuni riscontri molto positivi, i tempi sul giro sono risultati veloci, con ben 15 piloti racchiusi in 1 secondo, tra il 31’0 e 31’9. Abbiamo ancora alcune modifiche da fare, e per molti piloti si è trattata della prima volta con le Michelin: hanno dovuto adattarsi un po’ e modificare il proprio stile di guida. Ecco perché abbiamo registrato anche alcune sfortunate scivolate. Ma è stato comunque un ottimo punto di partenza.”

Molti piloti hanno dato un feedback positivo per il posteriore, c’è ancora del margine di sviluppo?

“Ci sarà da adattarsi alle diverse condizioni che andremo a incontrare. Il 90% del lavoro è fatto. Sull’anteriore invece dobbiamo lavorare tanto; ma abbiamo ancora un paio di mesi e degli altri test da svolgere. Sfrutteremo le sessioni e le diverse piste per cercare di migliorare l’intero pacchetto.”

Siete soddisfatti delle gomme intermedie e da bagnato o avete bisogno di qualche giorno di prove in più?

“È sempre meglio avere più tempo possibile per provare, ma a Brno i due piloti Pramac hanno fatto un bel pò di giri con queste gomme ed i risultati sono stati abbastanza buoni. Siamo sicuri di avere già una buona offerta sul bagnato, ma sarebbe positivo per tutti avere un ulteriore assaggio.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati