Prime impressioni di Hayden al suo ritorno in Superbike

Per il pilota statunitense ci sarà da lavorare molto ma la sfida è stimolante

Prime impressioni di Hayden al suo ritorno in SuperbikePrime impressioni di Hayden al suo ritorno in Superbike

L’attenzione intorno al primo test WorldSBK di Nicky Hayden, in programma lunedì 16 novembre al Motorland di Aragon, è stata tanta, con ‘Kentucky Kid’ impegnato a prendere confidenza con la sua nuova Honda CBR1000RR SP.

Dopo tredici anni di corse, e un Campionato del Mondo MotoGP nel 2006, per lui si è trattato di un vero e proprio ritorno alle origini, vantando anche un titolo AMA Superbike nel 2002: a motori spenti il pilota statunitense ha affidato le sue prime impressioni al microfono di WorldSbk.com, nel corso di una intervista esclusiva nel garage Honda World Superbike Team.

Nicky, si è concluso il giorno 1 qui al MotorLand. Com’è andato?
“Il tempo non ci ha aiutato questa mattina. Asfalto umido ma più di ogni altra cosa la nebbia … si vedeva a malapena! Nel pomeriggio, abbiamo iniziato con gomme da bagnato e ha fatto un paio di giri per prendere confidenza con la moto. Nel pomeriggio altro lavoro, ma il tempo rimanente prima della fine della giornata era poco. Ho alzato gli occhi e ho chiesto che ora fosse, mi hanno detto: 12 minuti alla fine. “Che cosa?”. Ho risposto, pensavo che ci fosse ancora un’ora e mezza o due. Abbiamo fatto 20 o 25 giri in quattro uscite, questo è stato il nostro inizio. So che la strada da fare è lunga, ma da qualche parte si deve pur cominciare”.

La classica domanda: com’è la tua Honda WorldSBK in confronto alla tua open MotoGP?
“I pneumatici sono diversi. Ho iniziato con le gomme da bagnato ed è stato un approccio un po’ difficile, una volta montate le slick la sensazione è stata migliore. Devo solo capirle. I freni sono un po’ diversi mentre l’elettronica è molto diversa. Sono in una squadra nuova e un ambiente nuovo, devo trovare il mio limite con la moto. Posso dire che, sulla carta, l’elettronica che sto usando ora è molto più avanzata di quella che ho usato quest’anno sulla open, in termini di quantità e di possibilità si possono avere più opzioni. Sarà quasi come tornare alla mia Ducati in MotoGP”.

Le condizioni della pista non erano fantastiche, ma ti sei sentito a tuo agio?
“C’è tanto lavoro da fare quindi cerchiamo di andare avanti. Sono contento di guidare e migliorare il feeling con la moto, ma proseguiamo. Al momento non freno al limite sull’anteriore. Non mi aggrappo al freno davanti, diciamo; l’anteriore probabilmente subirà qualche modifica. Con il posteriore ho trovato feeling, il mio stile di guida mi permette di capire più velocemente questa parte che l’anteriore. Avrò bisogno di più tempo per capirla al meglio, sarà probabilmente il mio obiettivo principale”.

Hai provato un sentimento di “ritorno a casa Superbike”?
“Non è stata la mia prima volta, ma un ritorno dopo 13 anni! Allora guidavo una twin RC51: moto molto diversa, con gomme molto diverse. Ma è stato tanto tempo fa, difficile ricordare; di sicuro spero che il cambio possa essere più facile rispetto a un passaggio tra 125 e 250 a due tempi. Ora guido una quattro tempi. Speriamo che questo renda le cose più semplici [ride]!”.

Che cosa si prova a lavorare con il team Ten Kate?
“Tutto è andato abbastanza bene. Non abbiamo avuto una giornata piena di lavoro, ma la comunicazione è soddisfacente. Ognuno parla molto bene l’inglese che è sempre un grande aiuto. È una moto nuova anche per il Crew Chief Gerardo Acocella, lui poi deve imparare a conoscere sia la moto, sia il pilota. Ho già un buon feeling con lui e la squadra. È presto, ma è divertente iniziare una nuova avventura”.

Almeno già conoscevi il MotorLand…
“Sì, di sicuro aiuta molto. È davvero bello. Ho avuto abbastanza da imparare oggi, in particolare su una pista difficile come questa, con angoli curve cieche e altre difficoltà. Sono stato qui non molto tempo fa, su una MotoGP e mi ha aiutato molto. Sarebbe stato bello fare i primi giri su pista completamente asciutta ma abbiamo avuto l’occasione di provare l’assetto bagnato, quindi non è andata così male”.

Conclusa la due giorni di test a Motorland, Hayden e Honda sono ora attesi settimana prossima a Jerez de la Frontera, per un’altra sessione di prove private in vista della stagione 2016.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    freddynofear

    18 Novembre 2015 at 13:24

    Vai Nicky, dopo aver sofferto questi ultimi anni in MotoGP adesso spero che tu possa riassaporare il piacere della vittoria in SBK. Mi sarebbe piaciuto rivederti sulla Panigale, ma mi accontenterò :-) In bocca al lupo grande signore

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati