MotoGP Test Valencia Day 1: Dani Pedrosa “La nuova elettronica è un passo indietro rispetto a quella 2015”

Terzo tempo per lo spagnolo, che avrà molto da lavorare con il nuovo software Magneti Marelli

MotoGP Test Valencia Day 1: Dani Pedrosa “La nuova elettronica è un passo indietro rispetto a quella 2015”MotoGP Test Valencia Day 1: Dani Pedrosa “La nuova elettronica è un passo indietro rispetto a quella 2015”

MotoGP test Valencia Day 1 – Dani Pedrosa chiude la prima giornata di test a Valencia con il 3° tempo a poco meno di un decimo del suo compagno di team. Lo spagnolo ha usato questa prima giornata per capire il feeling che le nuove gomme danno con l’asfalto e per provare la nuova elettronica. A suo dire il software Magneti Marelli allo stadio attuale è sicuramente un passo indietro rispetto al loro vecchio programma e perciò, come affermava Capirossi quando era in Suzuki, ci sarà parecchio da lavorare.

“Oggi è stato un giorno davvero diverso – ha affermato Dani Pedrosa – abbiamo un sacco di cose da fare, ma è anche importante lavorare lentamente. Abbiamo provato le nuove gomme, perciò all’inizio ho deciso di andare più piano per capire la loro reazione con l’asfalto. Dopo poi abbiamo provato la nuova elettronica Magneti Marelli e il primo giudizio è di aver fatto un passo indietro con questo nuovo software: abbiamo ancora parecchi problemi con la centralina e perciò dovremo lavorarci per capire quali parametri settare”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

3 commenti
  1. Avatar

    Ronnie

    11 Novembre 2015 at 15:05

    Bha Piloti Honda che si lamentano dell’elettronica ahah, chissà quanto la miglioreranno, anche se con il software bloccato, di stratagemmi se ne possono trovare eccome nella programmazione…

  2. Avatar

    fatman

    11 Novembre 2015 at 17:45

    …ma hai capito che il SW e’ bloccato? Setti alcuni parametri ed altri no, che c@zz@ di stratagemmi vuoi trovare…mah, una lacrima sul viso mi scende…

    • Avatar

      Ronnie

      13 Novembre 2015 at 18:42

      fatman quanto ci capisci di programmazione?

      Secondo te il motore Ducati, è uguale al motore Honda ed è uguale al motore Yamaha a quello Suzuki, a quello di Arpilia?

      Secondo te è possibile gestire motori così diversi esattamente con lo stesso software o vi sono adattamenti per ogni casa?

      Se tutto questo è presente in un software solo, e ci sono molti canali liberi, perché ci sono e l’avevano detto, che nella centralina Magneti Marelli restano canali liberi, quindi per sensori che alcuni usano altri no.

      Sai cosa vuol dire avere 500 variabili a disposizione e usarne solo 100 o 200? Sai cosa ti puoi inventare con le altre 300?

      Il software sarà “bloccato” ma come usi e rilevi i dati dalla moto no, non lo è, non hanno ingressi della centralina bloccati, e potrebbero mettere altri microprocessori che analizzano segnali che poi mandano alla centralina… ops… vuoi dire che possono mettere piccole centraline dove gli fa più comodo e poi fottere il software “bloccato”?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati