MotoGP Phillip Island: Marquez è il più veloce delle FP2 davanti a Lorenzo, Rossi è nono

La miglior Ducati è quella di Iannone, 4°, mentre l'ottimo Petrucci è 7°

MotoGP Phillip Island: Marquez è il più veloce delle FP2 davanti a Lorenzo, Rossi è nonoMotoGP Phillip Island: Marquez è il più veloce delle FP2 davanti a Lorenzo, Rossi è nono

MotoGP 2015 Phillip Island Free Practice 2 – Marc Marquez ha ottenuto il miglior tempo della seconda sessione di prove libere della classe MotoGP a Phillip Island, terz’ultima tappa del motomondiale 2015.

Il campione in carica della Honda ha fermato il cronometro sul tempo di 1:29.383, crono che gli ha permesso di battere per soli 50 millesimi il connazionale Jorge Lorenzo, che in campionato insegue Valentino Rossi, oggi nono. Il pesarese ha ancora qualche problema in frenata ed ha chiuso il turno a 0.658s da Marquez.

Molto bene il rookie Maverick Vinales, che ha portato la sua Suzuki in terza posizione, davanti alla prima Ducati, quella dell’abruzzese Andrea Iannone, che con la GP15 ha girato in 1:29.544.

Iannone precede la Honda del britannico Cal Crutchlow, quella dello spagnolo Dani Pedrosa e un grandissimo Danilo Petrucci, in sella alla Ducati GP14.2 del Pramac Racing.

Chiudono la Top Ten Bradley Smith con la Yamaha, Valentino Rossi e Aleix Espargarò, in sella alla seconda Suzuki.

Undicesimo tempo per Jack Miller, il pilota australiano è il migliore delle Open, davanti ad Hayden e Barberà. Sessione difficile per Andrea Dovizioso, solamente quattordicesimo con la seconda Ducati GP15.

MotoGp Prove Libere 2 Aragon - GP Teruel - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 30 Takaaki Nakagami Honda Lcr Honda Idemitsu 1:47.782
2 12 Maverick Vinales Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:47.957 0.175
3 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda Castrol 1:48.111 0.329
4 20 Fabio Quartararo Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:48.164 0.382
5 36 Joan Mir Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:48.182 0.400
6 42 Alex Rins Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:48.190 0.408
7 27 Iker Lecuona Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:48.360 0.578
8 41 Aleix Espargaro Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:48.426 0.644
9 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:48.439 0.657
10 73 Alex Marquez Honda Repsol Honda Team 1:48.443 0.661
11 6 Stefan Bradl Honda Repsol Honda Team 1:48.444 0.662
12 88 Miguel Oliveira Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:48.527 0.745
13 5 Johann Zarco Ducati Esponsorama Racing 1:48.532 0.750
14 33 Brad Binder Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:48.545 0.763
15 21 Franco Morbidelli Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:48.612 0.830
16 38 Bradley Smith Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:48.810 1.028
17 9 Danilo Petrucci Ducati Ducati Team 1:48.870 1.088
18 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 1:49.240 1.458
19 63 Francesco Bagnaia Ducati Pramac Racing 1:49.319 1.537
20 53 Tito Rabat Ducati Esponsorama Racing 1:49.733 1.951
21 43 Jack Miller Ducati Pramac Racing 1:49.794 2.012

Aragon - GP Teruel - Risultati Prove Libere 2

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

13 commenti
  1. Avatar

    cujo

    16 Ottobre 2015 at 08:30

    lo volevo scrivere qui, non nel topic delle FP1

    qualcuna sa che gomme sono state usate??

    il passo sembra 1,30 medio alto

    • Avatar

      RideThrough

      16 Ottobre 2015 at 11:03

      Pare che tutti hanno montato una gomma nuova con la mescola più morbida a loro disposizione per fare il tempo, mentre Rossi sia rimasto con la hard per lavorare in ottica gara. Fatto stà che Lorenzo e Marquez fanno paura e la pole molto probabilmente sarà una questione tra loro due, e anche per quanto riguarda la gara M&M potrebbe rappresentare un’altro grosso ostacolo tra Giorgino e la vittoria. Comunque, queste FP2 sono state una delle sessioni, in questa stagione, dove i distacchi tra un pilota e l’altro, dei primi dieci classificati, sono stati molto contenuti. I primi cinque sono racchiusi in meno di due decimi (0.196) e il distacco medio tra l’uno e l’altro è di appena 0.039 millesimi (min 0.026 / max 0.085), e tra il sesto e il decimo tempo il distacco medio è appena più alto con 0,047 millesimi (min 0,009 / max 0,145). Considerando tutti i primi dieci tempi, la media del gap tra un pilota e l’altro sale a 0.073 millesimi, per via dello scalino che c’è tra il 5° tempo di Crutchlow e il 6° tempo di Pedrosa, divisi di circa tre decimi (0.297).

      • Avatar

        cujo

        16 Ottobre 2015 at 11:31

        Grazie…

        come ho detto sotto ho letto un pò di notizie e tempi.

        vediamo domani dai….

    • Avatar

      Ronnie

      16 Ottobre 2015 at 18:14

      Il pomeriggio nella Fp2 il cielo era piuttosto sereno. Rossi è partito con la supersoft (banda verde)all’anteriore e la media al posteriore, così ha fatto anche Pedrosa.

      Jorge invece è entrato subito in pista con la asimmetrica all’anteriore e la media al posteriore ed aveva Iannone attaccato nei primi giri. Marquez non ho capito cosa montava alla prima uscita poteva essere una supersoft o una media, più probabilmente una media, almeno nella seconda uscita era una media.

      Rossi nella seconda uscita aveva la asimmetrica con banda blu all’anteriore. Ci ha messo un po’ a portare in temperatura le gomme, ma con entrambe le gomme nuove si suppone girava come il miglior giro di Lorenzo fatto con le stesse gomme, forse Jorge aveva una posteriore più usata ma non è detto. Solo che Rossi perdeva sempre nel T4, era più veloce di poco nei primi 3 settori e poi perdeva il vantaggio nel T4.

      E’ dopo 3 giri sul passo che ha avuto un rallentamento di mezzo secondo e poi fatto un giro dietro a Lorenzo. Lorenzo aveva la stessa configurazione di Rossi in quel momento. Asimmetrica anteriore media al posteriore. Hanno fatto 2 giri con Rossi che seguiva Lorenzo. Anche se Jorge non stava andando forte ma comunque 3 decimi più lento del suo best lap e hanno dovuto superare qualche pilota. Di certo Rossi ha potuto migliorare il T4 in quel frangente. Alla fine del secondo giro Lorenzo ha chiuso il gas ma anche Rossi l’ha fatto e Lorenzo ha dovuto chiudere tantissimo il gas prima che Rossi passasse.

      La posteriore è una asimmetrica per tutte le mescole, Soft delle Open e Ducati, Media e Hard che hanno solo i team MotoGP Honda e Yamaha satelliti e ufficiali, ma la Hard è probabile che non venga usata in gara.

      Le temperature sono basse, anche per Sabato danno tra gli 8 e i 19 gradi. Probabilmente per il turno della mattina attorno ai 10-14 e il pomeriggio 16-19. Inoltre danno vento tra i 15 e i 25km/h.

      Il meteo dovrebbe essere piuttosto stabile sia sabato che domenica con un cielo al massimo nuvoloso e con poche possibilità di precipitazioni e poche gocce se dovesse verificarsi la pioggia.

      • Avatar

        RideThrough

        16 Ottobre 2015 at 18:33

        Diobò!…E cos’hanno mangiato a pranzo Vale e Giorgino? :)

  2. Avatar

    Durim

    16 Ottobre 2015 at 09:48

    Rossi si è detto soddisfatto del passo con gomme usate nonostante il 9 tempo.
    Solito venerdì direi?! Sono comunque fiducioso per Rossi..adesso è in difficoltà, ma il cuore batte tutti :)))

    • Avatar

      cujo

      16 Ottobre 2015 at 10:54

      adesso ho letto anch’io qualcosa e ho visto la tabella dei tempi, un normale venerdì senza strafare…..

      cuore di tigre….. forza forza!!

  3. Avatar

    RideThrough

    16 Ottobre 2015 at 12:35

    E poi ganzo il cartello esposto al muretto a Lorenzo con una specie di triciclo e la scritta ‘Rossi’ per segnalargli il pericolo traino a favore del tavulliano. Ormai Giorgino viene preso per il c**o da tutti, Crutchlow in primis che, come è noto, è un tipo senza peli sulla lingua (stile Edwards) e in queste cose ci sguazza alla grande! :) Comunque, questo è un chiaro segnale che la tensione tra Lorenzo e Rossi si fà sempre più alta, e il livello di allarme di uno scontro tra i due, non solo in pista, è salito a Defcon 3. Speriamo che nelle ultime libere Rossi riesca a mettersi a posto anche per la Q2, perché va bene il passo, ma se parte dietro è un casino poi recuperare con quei due che vanno come razzi.

    • Avatar

      cujo

      16 Ottobre 2015 at 14:23

      buffissimo il cartello…. se è vero che lui a fine turno aveva la gomma usata, oltre tutto anche la dura, e gl’altri avevano montato quella più morbida a fine turno…..
      Proprio male male non lo vedo….

      nonostante sia partito 8° lo scorso anno, però vinse, vero che Marc cadde, ma fece un rimontone, dopo una decina di giri mi pare che era già secondo, scavalcando Giorgino

  4. Avatar

    Ronnie

    16 Ottobre 2015 at 18:31

    Marquez è stato molto efficacie anche come passo alla fine delle FP2 ma lui sembra essere tanto veloce con la media all’anteriore e sembra non abbia usato la asimmetrica.

    Comunque anche per la qualifica sarà una bella battaglia il giro dura poco 1.29 anche le Suzuki e le Ducati possono essere pericolose con la loro Soft al posteriore e volendo possono scendere sino alla supersoft all’anteriore come mescola che offre molto grip, come appunto ha fatto Vinales con al Suzuki.

  5. Avatar

    Durim

    16 Ottobre 2015 at 21:16

    Troppe troppe supposizioni..è inutile cercare di capire tutto e prevedere tutto. Non lo sanno i piloti, figuriamoci noi..la moto non si guida solo con i tempi, colo con il polso..c’è il fattore “cuore” che cambia tutto. Senza andare lontano..chi avrebbe mai predetto il venerdì “Pedrosa Rossi e Lorenzo” a motegi? Nessuno.
    Per cui è inutile stare a pensare a chi di qua..chi 2 decimi più veloce ecc..la gara è domenica :)

    • Avatar

      RideThrough

      17 Ottobre 2015 at 00:19

      Durim hai perfettamente ragione, lo sappiamo che fare ipotesi su quello che farà tizio o caio, in linea di massima, è solo una perdita di tempo (anche se qualche volta capita di prenderci) ma il giochino consiste proprio in questo, sennò che si fa per ingannare l’attesa? Riportare solo quanto accaduto senza addentrarsi nel campo delle ipotesi, diventerebbe parecchio noioso. E anche fare un po d’ironia sulle cose (e non prenderla sul personale come fa qualcuno) e sparare un paio di c@zz@te qua e là ogni tanto non guasta. ;) E già che ci sono, ipotizzo che domenica Giorgino si dimentica di inserire la modalità start e si mette la moto per cappello! :)

  6. Avatar

    LucaR

    16 Ottobre 2015 at 22:22

    Io la vedo durissima…Lorenzo e Marquez sembrano inavvicinabili. Peccato…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati