MotoGP: Aggiornamento condizioni mediche Alex De Angelis – 15 Ottobre

A fare il quadro della situazione è il Dr. Michele Zasa della Clinica Mobile

MotoGP: Aggiornamento condizioni mediche Alex De Angelis – 15 OttobreMotoGP: Aggiornamento condizioni mediche Alex De Angelis – 15 Ottobre

Il comunicato del Team in data 15/10/2015: Mibu (Giappone), 15 Ottobre 2015 – Il Dottor Michele Zasa della Clinica Mobile che è al fianco di Alex De Angelis nell’Ospedale Universitario Dokkyo di Mibu, ha fatto il quadro della situazione clinica del pilota del Team e-motion Iodaracing al suo sesto giorno di ricovero in terapia intensiva.

Alex De Angelis, riferisce il Dott. Zasa, continua ad essere stabile, senza presentare al momento evoluzioni degne di nota nel suo quadro clinico.

A livello cerebrale De Angelis è cosciente. L’ematoma cerebrale, emerso un giorno dopo il ricovero presso L’Ospedale Universitario Dokkyo, al momento non preoccupa, verosimilmente si riassorbirà autonomamente, salvo complicazioni.

La situazione della colonna vertebrale è anche questa stabile, al momento Alex De Angelis non può fare altro che riposarsi. Secondo il Dott. Casa, una volta arrivato a casa, il pilota del Team e-motion Iodaracing potrà alzarsi, con un busto rigido che dovrà tenere comunque per diverse settimane.

La situazione che riguarda la contusione polmonare, è quella più delicata. Nonostante Alex abbia sempre avuto buoni scambi respiratori,una radiografia fatta ieri, mostra che i polmoni ventilano relativamente bene ma presentano delle atelettasie che sono tenute sotto stretto controllo. I prossimi 2 o 3 giorni saranno importanti per verificare la stabilità degli scambi respiratori, e per valutare la situazione polmonare in base alle terapie in atto.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    RideThrough

    15 Ottobre 2015 at 16:37

    Nella sfortuna, De Angelis è stato anche fortunato. Nel senso che le fratture alle vertebre non hanno causato lesioni al midollo, e che l’entità dell’ematoma cerebrale non era tale da richiedere un intervento chirurgico. Forza Alex, torna presto!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati