MotoGP Motegi: Valentino Rossi, “Guadagnati altri 4 punti su Lorenzo, sono molto soddisfatto”

Con il secondo posto del GP del Giappone il pesarese solidifica la sua leadership mondiale

MotoGP Motegi: Valentino Rossi, “Guadagnati altri 4 punti su Lorenzo, sono molto soddisfatto”MotoGP Motegi: Valentino Rossi, “Guadagnati altri 4 punti su Lorenzo, sono molto soddisfatto”

MotoGP 2015 Movistar Yamaha GP Giappone – E’ un Valentino Rossi sorridente quello che parla dopo il Gran Premio del Giappone e non potrebbe essere altrimenti, visto che è riuscito ad allungare di altri quattro punti in classifica sul team-mate Jorge Lorenzo, che ora deve recuperare al pesarese 18 punti. In una gara caratterizzata dal meteo il sette volte iridato della Top Class, ha tagliato il traguardo dietro al vincitore Dani Pedrosa e davanti a Lorenzo. A lui la parola.

“Ogni gara ha una sua storia e oggi non avevo le stesse sensazioni di Silverstone (dove aveva vinto davanti a Petrucci e Dovizioso, ndr), ero un pò al limite, soprattutto in frenata, poi con i freni in acciaio le MotoGP faticano a fermarsi e non è che sul bagnato si vada tanto più piano dell’asciutto sui rettilinei.”

All’inizio dopo una bella partenza hai perso terreno su Lorenzo, mentre a fine gara hai recuperato, come te lo spieghi?

“Sul bagnato avevo un buon passo, ma ho faticato ad arrivarci, mentre Jorge è stato più bravo di me ed è andato via. Probabilmente se la gara fosse stata full-wet mi avrebbe battuto, ma sapevo che la gara era lunga e che le condizioni stavano cambiando visto che non pioveva più.”

Cosa hai pensato quando ti ha passato Pedrosa?

“Sinceramente ero un pò preoccupato, perchè se Dani non fosse riuscito a passare Lorenzo avrei perso molti punti in campionato. Poi ho visto Jorge in difficoltà e alla fine ho guadagnato altri 4 punti su Lorenzo e quindi siamo molto soddisfatti.”

I  caso di gara asciutta pensi che te la saresti potuta giocare con Lorenzo?

“Ieri in prova ero andato molto veloce, quindi perchè no, penso che sarebbe stato possibile. Alla fine però abbiamo corso sul bagnato e quest’anno ho fatto primo a Silverstone e secondo qui due ottimi risultati.”

Cosa ha avuto in più la Honda?

“Quello che di solito è un loro svantaggio (non far scaldare subito la gomma) oggi è stato un vantaggio. Alla fine la loro gomma lavorava meglio di quelle mie e di Jorge.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

9 commenti
  1. Avatar

    Durim

    11 Ottobre 2015 at 12:16

    E bravo Rossi!! Ormai questo mondiale ce l’ha in mano..è dalla prima gara che è in testa, sempre stato in testa al mondiale e non ha mai fatto errori. Nel 2013 tornato in Yamaha era un impresa anche solo il podio..2 anni dopo è in testa al mondiale. E’ arrivato marquez e si è alzata l’asticella e Rossi si è trasformato, si è messo in discussione e si è migliorato. Cosa non facile e molto rara quando hai 36 anni e 9 mondiali alle spalle. Avrebbe potuto mollare, invece è ancora li a mettersi in discussione.
    Complimenti davvero, esempio per ogni sportivo. Costanza e dedizione, passione infinita per lo sport che lo ha reso ciò che è: Valentino Rossi, Il più grande di tutti i tempi

  2. Avatar

    Ultimo1966

    11 Ottobre 2015 at 12:42

    Sono d’accordissimo con te Durim e vorrei ricordarlo a tutti i detrattori di Rossi il ciccione in primis .Rossi a differenza di altri piloti che non ci stanno ad arrivare dietro ( e qui non sto a fare l’elenco ) non si è mai lamentato o tirato fuori scuse anzi come c’è scritto qui sopra nella sua dichiarazione ha elogiato Lorenzo dicendo che Jorge è stato più bravo.Se vince questo mondiale se lo è strameritato e se non lo vincesse ha comunque dimostrato che a 36 anni è ancora li a lottare gomito a gomito con i giovani talenti di questo bellissimo sport. Un bravo anche a Pedrosa,

  3. Avatar

    LucaR

    11 Ottobre 2015 at 15:16

    Occhio alla prossima gara: potrebbe essere decisiva!

  4. Avatar

    gprg67

    11 Ottobre 2015 at 15:19

    hahahahaha. Intanto comincio col dire che, se va come deve andare, di anni Vale ne avrà praticamente 37; ma dove s’è mai visto!!! Lorenzo comincia cerebralmente a vacillare…sarà il caso che chieda il nr. di telefono dello psicologo che già fu di Biaggi,Gibernau,Stoner e, sembra, attualmente anche quello di marquez. certo che Pedrosa sta continuando a togliergli punti: sono 5 in due gare! GoValeGo!!!!!!!!!

  5. Avatar

    valefumi

    11 Ottobre 2015 at 17:24

    ..E, come ha detto Mattia Pasini dallo studio di Sky a Valentino in diretta per l’intervista:
    “Gli abbiamo fatto un’altra punturina”.
    Non ha specificato a chi ma penso non ci voglia Einstein per capirlo……

    • Avatar

      RideThrough

      12 Ottobre 2015 at 02:55

      Pasini lo ha detto in senso figurato, ma invece c’ha preso! Le solite fonti anonime ma informate benissimo, dicono che Lorenzo si è fatto somministrare per via endovenosa un cocktail dei seguenti farmaci perché sull’orlo di una crisi di nervi:
      Lorazepam 46mg
      Valium 46mg
      Ansiolin 46mg
      Xanax 46mg
      P.s.: non è dato sapere chi è stato l’esecutore materiale della punturina.

  6. Avatar

    stefanuccio

    12 Ottobre 2015 at 11:42

    lorenzo è il pilota più veloce sull’asciutto.
    ma per vincere un mondiale bisogna ottenere il massimo dei punti da tutte le gare: vincere quando sei il più veloce, limitare i danni quando gli altri sono più bravi, spremere il massimo dei punti nelle condizioni “strane” in cui un pò di spirito di adattamento e l’esperienza possono aiutarti a fare la differenza.
    Vale lo faceva anche con la ducati, beccava sempre punti anche quando era più lento di mezzo schieramento; ha saputo adattare le proprie caratteristiche agli eventi e alle variabili dalle moto alle piste, dal meteo agli avversari.
    15 anni di chapeau.
    a jorge manca questo, si sà, è meno completo dell’avversario, pur rimanendo il pilota con il più bello e impeccabile stile di guida, incantevole e perfetto interprete della M1 (purtroppo per lui, solo sull’asciutto).

    • Avatar

      cujo

      12 Ottobre 2015 at 14:39

      è un suo limite, e non è nemmeno un problema da poco, anzi, è un grosso limite……
      un pilota per essere completo deve saper adattarsi e sfruttare tutte le situazioni, e soprattutto capire al volo quel’è la soluzione o strategia da fare mentre sei in pista, non solo ai box con i tuoi ingegneri….

  7. Avatar

    cujo

    14 Ottobre 2015 at 08:29

    Ieri c’era un bellissimo articolo sulla gazzetta, dove faceva un po capire l’aria che si respira nel paddok su questo duello interno, su cui i pilotti o ingegneri e portavoce non diranno mai. Ed anche un’estratto di alcune dichiarazioni di Galbusera.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati