MotoGP Motegi: Primo successo per Pedrosa, Rossi allunga su Lorenzo

Lo spagnolo della Honda ha vinto davanti a Rossi, che si porta a +18 su Lorenzo

MotoGP Motegi: Primo successo per Pedrosa, Rossi allunga su LorenzoMotoGP Motegi: Primo successo per Pedrosa, Rossi allunga su Lorenzo

MotoGP 2015 Motegi Gara – A Motegi, teatro del Gran Premio del Giappone tutti gli occhi erano giustamente puntati sul duello tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, che si stanno giocando il campionato, ma nessuno aveva fatto i conti con Dani Pedrosa, che invece sotto la pioggia ha vinto il suo primo gran premio della stagione.

Il pilota della Honda ha tagliato il traguardo proprio davanti a Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, con quest’ultimo che perde ancora punti in campionato, ora Rossi è distante 18 punti. La pioggia arrivata come da previsioni ha giocato ancora un brutto scherzo al maiorchino, che questa volta era partito forte, prendendo anche il comando con ampio margine, ma che alla fine si è dovuto arrendere visto il consumo della gomma. Ora in campionato si fa davvero dura e per Rossi il decimo titolo è più che una realtà.

Cronaca di gara

Sta per finire la grande attesa, i piloti della classe MotoGP sono pronti a disputare il Gran Premio del Giappone, quindicesima tappa della stagione 2015, che vede Valentino Rossi comandare la classifica iridata con 14 punti di vantaggio su Lorenzo. A conquistare la pole position, la quarta della stagione è stato proprio il quattro volte campione del mondo Jorge Lorenzo, che ha stabilito anche il nuovo record della pista con il crono di 1’43.790. I prima fila con lui partiranno proprio Valentino Rossi, che in qualifica si è “fermato” a soli 81 millesimi dal maiorchino e il campione in carica Marc Marquez, che nonostante la mano fratturata di recente, avvenuta in una caduta mentre si allenava con la Mountain Bike, ha stretto i denti, portando a casa un ottima qualifica.

Dalla seconda fila scatteranno le Ducati GP15 di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone e la Honda Factory di Dani Pedrosa. Terza fila per la Suzuki di Aleix Espargarò, per la Honda di Cal Crutchlow e per la Yamaha di Bradley Smith. Sesta fila per Danilo Petrucci; il rider ternano del Pramac Racing ha ottenuto il diciassettesimo tempo. Non prenderà parte alla gara dopo lo spaventoso incidente di ieri (avvenuto nelle FP4) il sammarinese Alex de Angelis, ancora ricoverato all’ospedale Universitario di Dokkyo nei pressi di Tochigi. Il pilota dello Iodaracing era stato sottoposto a TAC che aveva evidenziato la frattura lieve di 5 vertebre e di tre costole. Tutto pronto, ventiquattro i giri da percorrere per 115.224 km. Si spengono i semafori, al via il più veloce è Valentino Rossi, affiancato da Jorge Lorenzo. Il maiorchino cerca subito di prendere il comando, operazione riuscita. Seguono Pedrosa, Iannone, Dovizioso, Marquez, Smith e Aleix Espargarò.

Attacca Dovizioso, che passa in un solo colpo Iannone e Pedrosa, portando la Ducati GP15 in terza posizione. Il primo giro si chiude con Lorenzo davanti a Rossi, Dovizioso, Pedrosa, Iannone, Marquez, Aleix Espargarò, Pol Espargarò, Smith e Petrucci.

Attacco di Marquez su Iannone, i due si sorpassano più volte, ma alla fine il pilota della Ducati deve arrendersi a quello della Honda. Davanti Lorenzo allunga a suon di giri veloci, mentre Dovizioso è in scia a Rossi. Nel corso del secondo giro Iannone viene passato anche da Aleix Espargarò, mentre dietro Marquez ha messo nel mirino Pedrosa. Bella la battaglia per la sesta piazza tra Iannone, Crutchlow e Petrucci, con quest’ultimo che ancora una volta dimostra la sua abilità a guidare su un asfalto reso insidioso dalla pioggia. Nel frattempo c’è il dritto di Stefan Bradl, mentre cade il rookie Jack Miller. Cade anche Danilo Petrucci, peccato per il rider ternano, una scivolata senza conseguenze che però mette fuori gara il pilota del Team Pramac.

Rossi inizia a recuperare qualcosa su Lorenzo e la stessa cosa sta facendo Dani Pedrosa su Andrea Dovizioso. Il pilota della Honda è a poco più di un secondo da quello della Ducati, mentre Marquez è ormai lontanissimo dal suo team-mate, oltre sei secondi. Ricordiamo che il campione in carica corre con la mano fratturata in una caduta avvenuta con la Mountain Bike. Si ritira intanto Andrea Iannone; la Ducati del pilota abruzzese sembra aver avuto un problema tecnico. Brutta battuta d’arresto in ottica campionato, che vedeva Iannone a soli 12 punti dalla terza piazza occupata da Marc Marquez. Davanti Lorenzo riallunga e quando siamo giunti a metà gara il vantaggio del maiorchino sul pesarese è di oltre tre secondi. Pedrosa intanto ha passato Dovizioso, portandosi sul podio virtuale. Il pilota della Honda sembra scatenato, dopo aver ottenuto il miglior tempo nel warm up, sta facendo segnare giri record, recuperando terreno sia su Rossi che su Lorenzo. Cade intanto (fortunatamente senza conseguenze) Maverick Vinales.

Pedrosa guadagna un secondo e mezzo a giro sulle Yamaha, attacca e passa Rossi e mette nel mirino anche Lorenzo. E’ scatenato il pilota della Honda, ancora alla caccia del primo successo della stagione. Le Yamaha sembrano aver consumato di più le gomme rispetto alle Honda, Pedrosa si avvicina a vista d’occhio, Lorenzo è ormai preso e vista la differenza di passa prenderà presto il comando della gara. Lorenzo sembra in grande difficoltà non solo su Pedrosa, ma anche su Rossi, che in questo momento guadagna sul maiorchino.
s
Attacca Pedrosa, che a sette giri dal termine prende la testa della gara e anche Rossi sente l’odore degli scarichi della Yamaha di Lorenzo. Il pesarese è ormai attaccato al maiorchino, che arriva lungo! Rossi è secondo, il #99 sembra non avere più la gomma. In ottica mondiale è un grande “colpo” per il pesarese, che in questo momento è a +18 su Lorenzo. Dietro intanto Marquez ha ripreso Dovizioso; i due si giocano la quarta posizione. Attacca Marquez, il forlivese non riesce a rispondere e ora è quinto.

Ultimi km di gara, Pedrosa va vincere il suo primo gran premio della stagione, mentre Rossi, secondo, si porta a +18 su Lorenzo, terzo. Il maiorchino maledirà la pioggia, che qui e precedentemente a Silverstone e Misano gli ha tolto punti pesanti.

MotoGp Gara Buriram - GP Thailandia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team 39:36.223
2 20 Fabio Quartararo Yamaha Petronas Yamaha Srt +0.171
3 12 Maverick Vinales Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp +1.380
4 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team +11.218
5 42 Alex Rins Suzuki Team Suzuki Ecstar +11.449
6 21 Franco Morbidelli Yamaha Petronas Yamaha Srt +14.466
7 36 Joan Mir Suzuki Team Suzuki Ecstar +18.729
8 46 Valentino Rossi Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp +19.162
9 9 Danilo Petrucci Ducati Ducati Team +23.425
10 30 Takaaki Nakagami Honda Lcr Honda Idemitsu +29.423
11 63 Francesco Bagnaia Ducati Pramac Racing +30.103
12 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda Castrol +33.216
13 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing +35.667
14 43 Jack Miller Ducati Pramac Racing +39.736
15 29 Andrea Iannone Aprilia Aprilia Racing Team Gresini +40.038
16 88 Miguel Oliveira Ktm Red Bull Ktm Tech 3 +40.136
17 53 Tito Rabat Ducati Reale Avintia Racing +44.589
18 99 Jorge Lorenzo Honda Repsol Honda Team +54.723
19 17 Karel Abraham Ducati Reale Avintia Racing +56.012
20 55 Hafizh Syahrin Ktm Red Bull Ktm Tech 3 +1:01.431

Buriram - GP Thailandia - Risultati Gara

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

39 commenti
  1. Avatar

    cujo

    11 ottobre 2015 at 07:51

    Oh oh….. Lorenzino lorenzino…… Hai chiuso il cerchio, hai sbagliato strategia ieri, e hai sbagliato oggi, le gomme rain non sono come le slik……

    Ma va bene cosi, fa bene al morale di cip cip :))

  2. Avatar

    Dinamo-MM93

    11 ottobre 2015 at 09:00

    Deve essere una grande soddisfazione vincere un mondiale grazie al meteo.Rossi mjerda

    • Avatar

      Bestlap

      11 ottobre 2015 at 09:08

      In effetti vincere un mondiale con qualsiasi condizione meteo, anche l’asciutto, è una bella soddisfazione ma MAI quanto leggere i rosicamenti biliari dei dementi come te……….!!!!!!!!!!!
      FEGATO ALLA PESARESE mi raccomando………..

    • Avatar

      cujo

      11 ottobre 2015 at 09:18

      Ma quale meteo, brodo…..la vittoria se l’he bruciata da solo, ha voluto fare il martello anche queste condizioni……
      Rosica rosica…….
      E come dice bestlap, fagato pesarese alla tavulliana….. Hahahahahah :))

    • Avatar

      nandop6

      11 ottobre 2015 at 14:04

      Ma come, con il bagnato ad inizio gara andava fortissimo… Ti ricordo che prima delle gare bagnate Rossi era primo in classif@ca. La verità è che l’anno passato e questo fino ad oggi Rossi si è rivelato pilota più completo rispetto a Lorenzo. Punto.

    • Avatar

      popoer6n

      11 ottobre 2015 at 17:57

      Ti risponderei volentieri, ma poi ligera mi da’ del bambino maleducato.

    • Avatar

      ueueue

      12 ottobre 2015 at 12:28

      ..la carica del cervello non ha dato buoni frutti se mai l’hai fatta..

      Ottime analisi Dimamo-MM..considerando che sarai un brufoloso segaiolo di più non è che si può pretendere!..

      ..sei un poverino..mi associo a LucaR & co..

  3. Avatar

    Il Pescatore Più Veloce Al Mondo

    11 ottobre 2015 at 09:23

    Sto preparando il design della maglietta per il 10° titolo…stay tuned.

    • Avatar

      nandop6

      11 ottobre 2015 at 14:06

      Noooooo!!!!! Per scaramanzia mi gratto per un’ora!!!!!

    • Avatar

      RideThrough

      11 ottobre 2015 at 22:13

      Diobò…Pescatore…ma come ti viene in mente?? Seguo l’esempio di nandop6 e me le gratto anche io…ma per due ora di fila! :))

  4. Avatar

    bcs

    11 ottobre 2015 at 10:20

    Prima di tutto auguri a De Angelis! Forza Alex, rimettiti al più presto!!!

    Gara di tattiche non volute questa.
    Lorenzo ha fatto dei primi giri allucinanti, un vero mostro.

    Il Mondiale è ancora apertissimo e saranno gare al cardiopalma quelle che ci aspettano.

    Da non dimenticare la spalla di Jorge (infortunio molto piccolo e che fortunatamente non lo limita nella guida) ed il dito operato da poco di Marc (che viste le sue condizioni ha fatto una gran bella gara a mio modo di vedere).

    Ma anche il buon Nakasuga è stato bravo.

    Un piccolo cenno alla moda del momento, le ali sulle moto. Ho visto la Ducati che ha ulteriormente aggiunto queste appendici (stile Yamaha)… Ma non è ora di darci un taglio?
    I vantaggi che portano sono piccoli, e prima di vietarle aspettiamo un “aggancio” tra due moto?
    A mio modo di vedere sono pericolose.

    • Avatar

      Il Pescatore Più Veloce Al Mondo

      11 ottobre 2015 at 10:52

      Forse in Ducati pensano che con tutte queste ali prima o poi la loro moto spiccherà il volo!!
      Ahahahahah

      • Avatar

        bcs

        11 ottobre 2015 at 16:51

        ahahah Carina questa

      • Avatar

        RideThrough

        11 ottobre 2015 at 21:46

        Ahahah…devono stare attenti a Phillip Island perché se c’è vento forte rischiano il decollo!

    • Avatar

      cujo

      11 ottobre 2015 at 11:00

      vero, augoroni ad Alex!!
      non lo so quanto la tattica non sia voluta almeno da parte di Rossi, in quanto il passo era quello, difatti quei 7/8 giri che sono “mancati” (se così si può dire) a Rossi all’inizio, poi sono mancati a Lorenzo alla fine…..
      e si è potuto vedere come Rossi sui pezzi dritti cercasse l’acqua per raffreddarele gomme e preservarle, quindi, almeno da parte di Rossi non so se non ci sia stata stragegia……

      Come una vecchia pubblicità diceva…. “e ti ripiglio ti ripiglio!!!

      E (ancora una volta merita i complimenti) Pedrosa è venuto su a metà gara, in quanto Honda le gomme scalda più tardi rispetto a Yamaha le gomme….

  5. Avatar

    Ronnie

    11 ottobre 2015 at 11:41

    Chi ha veramente tratto vantaggio dalle ultime 2 gare sul bagnato è stata la Honda, prima con Marquez a Misano e poi con Pedrosa a Motegi.

    Erano relegati a perdere quelle gare, con gare vinte quasi a tavolino dalla Yamaha e invece il meteo gli ha fatti rientrare e vincere.

    Lorenzo ha corso alla Hamilton tattiche poco, massimo gas e poi che vada tutto bene o no, si è sicuri di aver fatto il massimo.

    Ha smesso di piovere e Bridgestone non ha portato delle gomme infallibili per questa pista, dato che tutti hanno avuto problemi.

    Pedrosa è più piccolo e leggero, scaldava meno i freni e scaldava meno l’anteriore.

    La posteriore peggiore secondo me al traguardo era proprio quella di Pedrosa che voleva infatti puntare sulla mescola media, ma poi vedendo gli altri mettere la morbida lo ha fatto anche lui, e forse anche questo gli ha fatto vincere la gara.

    Pedrosa con la media al posteriore era il più veloce nel Warm Up era già il più forte sul bagnato, ma forse avrebbe anche lui scaldato di più l’anteriore con la media al posteriore per qualche strana ragione di setting e di grip.

    Pedrosa nella staccata principale era efficentissimo, sia quando ha superato Rossi ma proprio su Lorenzo ha preso un capitale, e anche Rossi avrebbe potuto superare Lorenzo nello stesso modo, anche se era meno efficacie di Pedrosa, ma Lorenzo ha sbagliato e non c’è stato un vero attacco di Rossi.

    Pedrosa sono 2 gare che corre molto bene, sicuramente qui anche il fatto che fisicamente sia più leggero degli altri può aver aiutato a non distruggere tanto l’anteriore e anche i freni non si surriscaldavano come quelli degli altri, perché con i dischi d’acciaio e con la pista che si asciuga si è visto come i dischi per esempio di Rossi diventassero roventi, quindi può darsi che l’efficacia di Pedrosa in frenata oltre che per una gomma anteriore meglio preservata aveva anche i freni nel giusto range di temperatura.

  6. Avatar

    Ronnie

    11 ottobre 2015 at 11:47

    Bisogna dire che Rossi non ha fatto una cosa intelligentissima nel Warm Up, ha trainato Pedrosa per diversi giri …

    • Avatar

      RideThrough

      11 ottobre 2015 at 22:07

      E meno male che ha pedinato Rossi e non Giorgino sennò succedeva il finimondo! :))

  7. Avatar

    Ronnie

    11 ottobre 2015 at 11:50

    Comunque la pioggia ha giocato un po’ a favore anche di Jorge e Marquez per quanto riguarda le condizioni meno estreme per i loro problemi fisici. Sia per la spalla di Jorge che per la mano di Marquez correre con la pista bagnata è stato meglio che con quella asciutta in vista delle prossime due gare ravvicinate sicuramente hanno finito meglio che correndo sull’asciutto.

    Lorenzo oggi non poteva usare la scusa della visiera appannata, ha usato la maschera paranaso ahah.

    • Avatar

      Durim

      11 ottobre 2015 at 13:14

      Grazie Ronnie della tua analisi tecnica. Pur vedendo la gara, senza il tuo commento non avrei mai potuto capire cosa fosse successo :)

  8. Avatar

    supermariacion

    11 ottobre 2015 at 11:58

    Dynamofallata usa il tuo vero nick hahahhaahha

  9. Avatar

    Durim

    11 ottobre 2015 at 12:59

    Gara carina! Pedrosa finalmente sembra ritrovato. Credo sia sicuro di se..sono davvero contento per lui. Si merita molto di più di quanto ha raccolto fin’ora.

    Per il mondiale ora bisogna rimanere con i piedi per terra..basta una scivolata, un contatto e tutto potrebbe ribaltarsi. Anche gli scorsi anni P. Island sono state gare caratterizzate da pioggia, o podi anomali..bisognerà fare attenzione a non sbagliare.

    Rossi è comunque proiettato verso il suo decimo mondiale!
    #yearoftheGOAT

  10. Avatar

    Dinamo-MM93

    11 ottobre 2015 at 14:05

    Dai rikkioni non festeggiate troppo che tanto il prossimo gp rossi finisce in clinica mobile ahahahah

    • Avatar

      nandop6

      11 ottobre 2015 at 14:12

      Eravate meglio quando accampavate altre scuse, aggrapparsi alle cadute di Rossi significa essere al capolinea ed ammettere la sua superiorità.
      Saluti.

  11. Avatar

    supermariacion

    11 ottobre 2015 at 14:29

    Dynamofallata fai il login con l’altro nick….e salutami i tuoi compagni di stanza quando tornano dal’ora d’aria!!

  12. Avatar

    Dinamo-MM93

    11 ottobre 2015 at 14:42

    Superikkion fai log out e registrati un Nick.Spastico lo sanno tutti che sei un clone di un antirossi di motoblog.E parla pure di Nick questo handicappato ahahah

  13. Avatar

    Dinamo-MM93

    11 ottobre 2015 at 14:50

    Nando superiorità di chi????di rossi?????non bestemmiare nando su.Alla prossima pagliacci buffoni.Click

    • Avatar

      nandop6

      11 ottobre 2015 at 15:27

      Questa è la seconda volta che messo in difficoltà rispondi insultando. Non so se sei un bambino ritardato o un collione. Però vanno bene tutti e due.

    • Avatar

      cujo

      11 ottobre 2015 at 15:35

      fatti assumere all’ospedale, saresti un risparmio per chi e murato…. tutte le volte che apri bocca fai un cl1st3r3……

    • Avatar

      LucaR

      11 ottobre 2015 at 15:41

      Sei un poverino…mi dispiaccio per te.

    • Avatar

      popoer6n

      11 ottobre 2015 at 18:11

      Alla prossima cosa? Se la prossima significa il risultato di oggi ok, alla prossima. Cin Cin a te e alle tue brutte figure.

  14. Avatar

    gprg67

    11 ottobre 2015 at 15:47

    Cambiano i nomi, cambiano le pagine, ma la volgarità dei soliti poveri cerebrolesi non cambia mai… Rossi a quasi 37 anni compiuti sta dando una lezione di guida/strategia/concentrazione/longevità/intelligenza non solo alle nuove generazioni di piloti, ma anche a quelle che verranno dopo e dopo ancora. Non per niente è il pilota più considerato dalla Dorna, è il pilota più ricercato dagli sponsor, è il pilota più tifato in tutto il globo. Su tutte le piste sventolano bandiere gialle e gran parte degli spettatori urla ad ogni suo sorpasso. E’ universalmente riconosciuto come un maestro del motociclismo moderno. E’ possibile che quest’anno vinca il mondiale per la decima volta, a 37 anni, e lo meriterebbe visto che conduce dalla prima gara. Detto questo, che è quello che pensa la stragrande meggioranza di appassionati, vorrei sapere se a voi, soliti idioti di cui non faccio neanche il nomignolo (perchè tanto ormai via via lo cambiate per la vergogna) non è mai passato per la mente di avere seri problemi di salute mentale. Se non è così, e credo non sia così perchè un vero stupido non si accorge di esserlo, potete provare a contattare l’ex psicologo di Biaggi/Gibernau/Stoner, da quest’anno di Marquez. Potete chiederlo anche a Lorenzo perchè sembra che oggi abbia anche lui chiesto il suo numero…

    • Avatar

      gprg67

      11 ottobre 2015 at 15:54

      Andiamo! Sono in attesa delle vostre solite volgari,piatte,sterili elucubrazioni mentali malate

      • Avatar

        gprg67

        11 ottobre 2015 at 15:55

        …se poi non trovate il significato di alcune parole sul vocabolario basta dirlo, sarò comprensivo

    • Avatar

      LucaR

      11 ottobre 2015 at 16:03

      Attenzione: io non credo che lo pneumatico fosse poi tanto distrutto, tant’è che negli ultimi due giri faceva gli stessi tempi di Valentino. Lorenzo, dopo la prima parte di gara, ha tenuto il medesimo rimo di Valentino, eccezion fatta in tre-quattro giri, in cui ha perso praticamente tutto il vantaggio…

      A mio modesto avviso, quando c’è stato il calo degli pneumatici, Valentino ha usato Pedrosa come riferimento, mentre Lorenzo ha chiuso troppo il gas. Poi, quando ha capito che Rossi era dietro, ha faticato a reagire ed ha sbagliato.
      Un pilota con gomme finite, non recupera tre decimi negli ultimi giri….

  15. Avatar

    supermariacion

    11 ottobre 2015 at 16:52

    Dynamofallata sei un coniglietto! Usa laltro nick o niente carotine!!

  16. Avatar

    RideThrough

    11 ottobre 2015 at 18:06

    Grandissimo Pedrosa! Ha guidato in modo mostruoso e si è bevuto i due della Yamaha con una facilità allucinante. Bravo Dany, prima vittoria della stagione strameritata. L’avevo detto io che a Motegi non c’erano c@zzi, vinceva una Honda. Avevo pronosticato Marquez ma invece ha vinto Danielito. Vabbè è uguale :) Il volpone Rossi è riuscito a fregare di nuovo Lorenzo in una gara condizionata dal meteo, e lascia Motegi incrementando di quattro lunghezze il suo vantaggio in classifica. Mica male. E pensare che sembrava iniziata bene per Giorgino, che in due giri e mezzo aveva rifilato tre secondi a Rossi. Ma il tavulliano, che la sa lunga, aveva già intuito che la pista si sarebbe andata asciugando e ha cercato di non stressare troppo le gomme (specie l’anteriore) in vista di un finale difficile, sempre però cercando di non perdere troppo terreno. Lorenzo invece ha fatto come al solito il toro infuriato nell’arena che parte a testa bassa per incornare il torero (Rossi) per finire poi per essere infilzato senza pietà. Lui tutte quelle considerazioni su pista che si asciugava e gestione gomme non le ha prese neanche in…considerazione. E grazie a Pedrosa gli è andata anche bene a Lorenzo, non tanto per il punto in meno perso, ma per il fatto che, se non arrivava Dany, Rossi lo avrebbe passato quando lui era in testa andando tranquillamente a vincere un GP che alla vigilia il maiorchino pensava di avere già in tasca, come già accaduto a SilverStone dove era andato sicuro di darle e invece le ha prese. A livello psicologico sarebbe stata un’altra brutta tegola per Giorgino, ma anche senza la vittoria di Rossi, la sua faccia nel parco chiuso non sembrava esattamente il ritratto della felicità.

    • Avatar

      cujo

      11 ottobre 2015 at 19:30

      vero @RideThrough

      grandissimo Pedrosa, si è ritrovato la vittoria in mano senza nemmeno sapere (parole sua) come gli è venuta…..
      Invece Lorenzino ha proprio sbagliato tutto, l’altra volta quando dicevo che questa bramosia di vincerle tutte potrebbe indurli all’errore, non necessariamente deve essere una caduta (vedi oggi), Rossi dall’alto della sua ENORME esperienza, li può fregre anche così, che e la peggiore di tutte, la guerra psicologica…..

      che fa tanto bene al morale di cip cip…. ahahahahah!!!

      • Avatar

        RideThrough

        11 ottobre 2015 at 21:57

        Infatti. Mi sa che Giorgino più lo dice e peggio è ;) proprio come Marquez: “Le posso vincere tutte…ora vinco todos…patapanfete!” Game over :) Vabbè, bisogna capirli…son ragazzi!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati