MotoGP Motegi: Marc Marquez “Rallentato dal feeling con la moto non dalla mano infortunata”

Il pilota spagnolo, 4° al traguardo, augura una pronta guarigione a De Angelis

MotoGP Motegi: Marc Marquez “Rallentato dal feeling con la moto non dalla mano infortunata”MotoGP Motegi: Marc Marquez “Rallentato dal feeling con la moto non dalla mano infortunata”

Marc Marquez chiude con il 4° posto il gran premio di Motegi. Lo spagnolo, ha vissuto oggi una domenica per lui surreale: giu dal podio nel giorno in cui il suo team-mate Pedrosa riporta la Honda al succeso, battendo le due Yamaha. Certo il campione del mondo in carica, è arrivato qui in Giappone con ben poche speranze di vittoria a causa dell’infortunio alla mano sinistra che, anche se lui dice di non soffrirlo, certamente in gara non gli permette di dare il 100%.

“E’ stata una domenica difficile – ha affermato Marc Marquez – gia nel warmup, avevo visto che sul bagnato sarebbe stato difficile trovare il miglior setup. Abbiamo fatto delle modifiche per la gara, ma non mi sono mai sentito a mio agio in sella. La mano fortunatamente non mi ha dato troppi problemi, anche perchè si correva con la pioggia, con l’asciutto mi avrebbe fatto male sicuramente. Ora comunque si va a Phillip Island, uno dei circuiti preferiti, da me e la mia moto. Voglio fare i miei migliori auguri ad Alex De Angelis, siamo tutti con te!

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    Durim

    11 Ottobre 2015 at 12:18

    Ragazzo onesto :) complimenti!
    MArc ha perso questo mondiale, ma anche arrivando terzo credo sarò lui l’uomo da battere il prossimo anno.

  2. Avatar

    LucaR

    12 Ottobre 2015 at 11:22

    Un anno fa Livio Suppo disse:

    “Marc sta dimostrando una superiorità senza precedenti, che neppure il miglior Valentino ai tempi della Honda aveva…”

    E adesso?….Valentino, anche da ventenne, non è mai caduto tanto quanto Marquez quest’anno, e probabilmente un giovane Rossi in Honda darebbe del gran filo da torcere allo spagnolo, che sotto pressione sbaglia anche lui.

    Ecco, io apprezzo moltissimo il giovane campione spagnolo…un pochino meno chi come Suppo o tutti gli anti-Rossi, sono già pronti a fare paragoni così impegnativi già al terzo anno in MotoGP….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati