Superbike: Il Pirelli Spanish Round si prepara ad assegnare entrambi i titoli

Sia Jonathan Rea che la Kawasaki potrebbero laurearsi Campioni questo fine settimana

Superbike: Il Pirelli Spanish Round si prepara ad assegnare entrambi i titoliSuperbike: Il Pirelli Spanish Round si prepara ad assegnare entrambi i titoli

Il Campionato Mondiale Eni Fim Superbike si prepara all’appuntamento decisivo per quest’anno: solo sei lunghezze dividono, infatti, Jonathan Rea dal titolo iridato, frutto di una cavalcata inarrestabile fatta di venti gare, altrettanti podi (record assoluto) e 12 vittorie.

Al numero 65 serve solo un piazzamento nella top 10 in gara 1 a Jerez, teatro questo fine settimana del Pirelli Spanish Round, per diventare il diciassettesimo pilota della storia WorldSBK a laurearsi Campione, il quinto diverso in altrettante edizioni.
Prima di lui Fogarty, Hodgson, Toseland e Sykes sono stati i britannici ad aver alzato il trofeo del vincitore finale: tutti questi sono però inglesi, mentre Rea risulterebbe il primo nordirlandese a conquistare il titolo.

L’unico pilota che potrebbe ancora, matematicamente parlando, contendere il titolo al pilota Kawasaki è Chaz Davies, ma il ritardo di 144 punti, con 150 ancora da assegnare, si traduce in una missione che ha dell’impossibile, dato che il gallese della Ducati dovrebbe vincere almeno cinque delle ultime sei gare, chiudendo secondo nell’altra, con Rea a secco in tutte le corse.
Può facile invece la strada che porta al “titolo” di vice-campione, dove Davies ha 13 punti di vantaggio sul probabile unico avversario, Tom Sykes, dato che Leon Haslam si trova attardato in quarta posizione, con 36 lunghezze da recuperare da Sykes e ben 49 da Davies.
Jordi Torres dal canto suo mantiene salda la quinta posizione, ormai non più impensierito da Giugliano, che non rivedremo in pista prima della prossima stagione.

Anche per il titolo costruttori non ci dovrebbero essere sorprese, con Kawasaki che potrebbe chiudere il discorso definitivamente in gara 1, se la Ducati si classificasse dopo la quarta posizione, diventando il sesto costruttore a laurearsi campione dopo Ducati, Honda, Aprilia, Suzuki e Yamaha
Curiosamente per la casa di Akashi si tratterebbe del primo storico successo, nonostante i due titoli piloti già conquistati nel 1993 con Scott Russell e vent’anni dopo con Sykes.

Il tracciato di Jerez, con i suoi 4.423m di lunghezza, è uno dei più guidati in calendario e da sempre è in grado di livellare le performance delle moto presenti in pista.
Nel calendario Mondiale Superbike però, il circuito andaluso, dopo una veloce parentesi nel 1990 è diventato appuntamento fisso a partire dal 2013.
Sono tre i piloti di casa al via dell’edizione 2015 del Pirelli Spanish Round, ovvero Jordi Torres, David Salom (Team Pedercini) e Roman Ramos (Team Go Eleven), e sono tre anche gli spagnoli ad aver qui conquistato almeno una vittoria: Carlos Checa (24 vittorie), Ruben Xaus (11) e Fonsi Nieto (1).

Di seguito gli orari del weekend:

VENERDI’ 18 SETTEMBRE
ore 11:15 – 12:00 Prove Libere 1 (no diretta tv)
ore 15:00 – 15:45 Prove Libere 2 (no diretta tv)

SABATO 19 SETTEMBRE
ore 9:45 – 10:30 Prove Libere 3 (diretta Italia 2)
ore 12:30 – 13:00 Prove Libere 4 (diretta Italia 2)
ore 15:00 – 15:15 Tissot-Superpole 1 (diretta Italia 1 a Italia 2)
ore 15:25 – 15:40 Tissot-Superpole 2 (diretta Italia 1 e Italia 2)

DOMENICA 20 SETTEMBRE
ore 8:40 – 8:55 Warm Up (no diretta tv)
ore 10:30 Gara 1 (diretta Italia 1)
ore 13:10 Gara 2 (diretta Italia 1)

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati