MotoGP Indianapolis: Valentino Rossi, “Podio importante, ma devo migliorare in qualifica”

Il sette volte iridato della Top Class è sempre in testa alla classifica iridata e settimana prossima c'è Brno

MotoGP Indianapolis: Valentino Rossi, “Podio importante, ma devo migliorare in qualifica”MotoGP Indianapolis: Valentino Rossi, “Podio importante, ma devo migliorare in qualifica”

MotoGP 2015 Movistar Yamaha GP Indianapolis Race – Valentino Rossi ha ottenuto il terzo posto nel Red Bull Indianapolis Grand Prix, decima tappa del motomondiale 2015. Il campione della Yamaha, che partiva dalla terza fila, è stato autore di una bella partenze e poi in gara ha lottato con Pedrosa riuscendo a battere il pilota della Honda. Questo podio gli fa mantenere la testa della classifica mondiale, visto che Lorenzo è arrivato secondo dietro a Marquez. Ecco cosa ha raccontato Rossi alla stampa italiana.

“Dieci podi in dieci gare, una buona abitudine, molto importante per il campionato, soprattutto in weekend come questi, dove sapevamo che dovevamo soffrire. A dir la verità lo scorso anno ero stato più forte in prova, mentre quest’anno ho sofferto di più di quanto mi aspettassi. Sono contento perchè alla fine siamo riusciti a recuperare una situazione non facile e non abbiamo commesso l’errore del Mugello, quando non avevamo fatto grandi cambiamenti. Qui invece abbiamo stravolto la moto e stamattina ero molto veloce. Se fossi partito dalla prima fila sarei riuscito a rimanere con Marc e Jorge, anche se penso che mi avrebbero comunque battuto; sarebbe stato però più facile stare con loro. Comunque è stata una bella gara, la battaglia con Dani è come una rivincita del Sachsenring.”

Dopo questa vittoria di Marquez, la seconda consecutiva come cambia il “borsino” dei rivali?

“Intanto bisogna guardare gara per gara, agosto è un mese difficile. Sapevamo che qui sarebbe stata dura, poi ci sono Brno e Silverstone. Brno sulla carta non è male, anche se Marc e Jorge vanno molto forte, poi c’è Silverstone, che penso sia una delle piste preferite da Lorenzo, dove gli ho visto fare delle cose incredibili e anche Marc è forte. C’è bisogno di tenere “botta” in queste gare qui, arrivargli davanti e poi si vedrà. Per quanto riguarda Marquez dobbiamo batterlo nelle piste in cui sappiamo di essere più forti, perchè altrimenti se inizia a vincerle tutte prenderà sempre più confidenza. Brno è difficile, ma con la Yamaha bisogna essere più vicini.”

Raccontaci il sorpasso su Pedrosa, che non si è visto.

“Bello, magari a lui non è piaciuto tanto… l’ho sorpassato alla curva 2, siamo arrivati vicini, è stato un sorpasso da ultimo giro. Dovevo assolutamente stare davanti per non farmi “fregare” in volata.”

Le prove sono ancora il vostro punto debole, dove dovete lavorare?

“Sono il mio punto debole, bisogna lavorare su di me, a volte mi “incasino”, trovo traffico, mai un giro perfetto. Basterebbe una seconda fila, non c’è bisogno di fare la pole, perchè poi parto sempre forte.”

Marquez ti ha fatto un piccolo favore in ottica campionato con queste due vittorie?

“In questo momento del campionato la vittoria di Marquez è stata un vantaggio, ma chissà a lungo termine, non si può mai sapere.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati