Moto3 Indianapolis: brutta caduta per Fenati illeso, Migno acquista confidenza

Molta sfortuna per il pilota dello Sky Racing Team VR46 #IndyGP

Moto3 Indianapolis: brutta caduta per Fenati illeso, Migno acquista confidenzaMoto3 Indianapolis: brutta caduta per Fenati illeso, Migno acquista confidenza

Moto3 2015 GP Indianapolis Day 1: spettacolare caduta per Romano Fenati che è stato lanciato in aria dalla sua Ktm ad inizio delle FP2. Nonostante il pilota ascolano non sia più riuscito ad entrare per problemi alla moto, ha comunque dimostrato un ottimo passo durante tutta la giornata. La contusione alla scapola sinistra non lo costringerà certo alla resa per la giornata di domani.
Prima assoluta invece per Andrea Migno ad Indy, 29° in 1’43.093 al termine delle FP2.

“Purtroppo sono stato vittima di una caduta sia nel turno della mattina che in quello del pomeriggio – ha commentato Romano Fenati. Per fortuna sto bene, anche se mi fa un po’ male l’area della spalla sinistra, soprattutto all’altezza della scapola. I ragazzi della Clinica Mobile mi hanno aiutato a lenire un po’ il dolore con un massaggio e domani tornerò qui per i controlli. Non dovrebbe esserci nulla di rotto e quindi domani sarò di nuovo in pista. E’ stata una caduta un po’ anomala, ancora dobbiamo capire bene cosa sia successo. Dispiace aver saltato quasi l’intero secondo turno di prove e quindi domani dovremo sfruttare al meglio la terza ed ultima sessione a nostra disposizione per recuperare il tempo di lavoro perduto”.

“E’ stata una prima giornata di test molto importante – ha spiegato Andrea Migno – in cui abbiamo dedicato il lavoro principalmente alla ricerca del miglior setup della moto, senza la pretesa di trovare subito il miglior tempo. Non a caso, non abbiamo montato la gomma nuova, quella da tempo, e di conseguenza ho avuto qualche difficoltà in più nel giro veloce. Abbiamo risparmiato la gomma da tempo per domani, proprio per arrivare ad essere competitivi al massimo in qualifica”.

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati