Moto3 Sachsenring: difficoltà per Manzi 29° e per Ferrari 31°

Giornata avara di soddisfazioni per il Team Italia

Moto3 Sachsenring: difficoltà per Manzi 29° e per Ferrari 31°Moto3 Sachsenring: difficoltà per Manzi 29° e per Ferrari 31°

Moto3 2015 GP Germania QP: non è stata una qualifica da incorniciare per Stefano Manzi e Matteo Ferrari che hanno chiuso rispettivamente al 29° ed al 31° posto con un distacco superiore ad 1,7 sec. dalla vetta occupata dal leader del campionato Danny Kent.

“Una qualifica difficile, al di sotto delle nostre previsioni – ha commentato Stefano Manzi. Nell’ultimo tentativo di time attack non sono riuscito a sfruttare al meglio la gomma nuova, per questa ragione siamo così indietro. L’aspetto positivo è che rispetto a ieri abbiamo migliorato molto il bilanciamento della moto, il lavoro compiuto insieme alla squadra ha dato i suoi frutti. Speriamo domani nel Warm Up di trovare qualcosa in più per poter dare il massimo in gara”.

“Sono un po’ dispiaciuto per l’andamento di questa qualifica – ha proseguito Matteo Ferrari. Potevamo certamente fare molto meglio, ma per una serie di vicissitudini ci ritroviamo costretti a partire in undicesima fila. Per tutto il turno ho praticamente girato da solo, senza l’ausilio di una scia utile: nel primo tentativo non ho incontrato nessun pilota davanti a me e, soltanto all’ultimo time attack, ho guadagnato qualcosina nel primo rettilineo grazie al riferimento di Locatelli e Navarro. Questione di pochi centesimi in ogni caso, nulla più. Qui al Sachsenring basta una minima scia per guadagnare anche mezzo secondo, proprio quello che ci è mancato per qualificarci dignitosamente. Peccato, ma tutto sommato per la gara sono più fiducioso rispetto alla performance odierna: il feeling è cresciuto, la moto la “sento” bene in sella, come tempi siamo tutti lì di passo sull’1’28”. Vedremo pertanto di fare del nostro meglio ed archiviare questo weekend con un risultato degno di nota”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati