MotoGP Assen QP: Andrea Dovizioso, “Non abbiamo il passo dei primi, complimenti a Petrucci”

Il pilota forlivese della Ducati non è andato oltre la quarta fila nelle qualifiche del GP d'Olanda

MotoGP Assen QP: Andrea Dovizioso, “Non abbiamo il passo dei primi, complimenti a Petrucci”MotoGP Assen QP: Andrea Dovizioso, “Non abbiamo il passo dei primi, complimenti a Petrucci”

MotoGP 2015 Ducati TT Assen – E’ un Andrea Dovizioso non soddisfatto quello che ha parlato al termine delle qualifiche del Gran Premio d’Olanda, ottava prova del motomondiale 2015. Il centauro forlivese della Yamaha non è andato oltre il decimo tempo e sarà quindi costretto a partire dalla quarta fila. Il suo ideal time lo avrebbe proiettato in seconda fila, per questo non è del tutto preoccupato dalla prestazione.

Andrea, raccontati le difficoltà di questa qualifica

“Il mio ideal time mi avrebbe portato in seconda fila, quindi è evidente che ho sbagliato qualcosa nel mio giro veloce. Sono sempre stato uno “corretto” e quando devo dire una cosa non ho nessun problema ad ammetterla. Non ho fatto un errore grave e se guardiamo il lato positivo il gap non è grande, quindi rimango fiducioso, anche se partire così indietro non aiuterà. Se dovessimo trovare condizioni miste sarà ancora peggiore, ma inutile preoccuparsi troppo. Come passo gara non abbiamo quello dei primi.”

Così come ieri anche oggi il tuo vantaggio sulla GP14 di Petrucci è molto piccolo. E’ un vostro passo indietro?

“Non direi, sappiamo tutti che la GP14 è una moto che se guidata con energia può andar forte sul giro singolo, ma poi in gara si fatica. Gli faccio comunque i complimenti, perchè ha girato molto forte ed è stato bravo.”

Avete un nuovo telaio, cosa permette rispetto al precedente?

“Il nuovo telaio ci permette più regolazioni, la nostra è una moto nuova e non bisogna mai dimenticarlo. Queste prove bisogna testarle anche nel weekend di gara per capire se possano aiutarci.”

Andrea, ti aspettavi una differenza maggiore tra la gomma morbida e le media?

“C’è una spiegazione semplice. Qui il grip non fa molta differenza e infatti se avete fatto caso, il giro veloce non è stato il primo come accade di solito, ma quello successivo. E’ un circuito dove è difficile avere il ritmo, si va forte quando si riesce a sfruttare bene la moto e oggi l’ha dimostrato Valentino (Rossi, ndr).”

Una gara mista asciutta-bagnata ti aiuterebbe?

“A nessuno piace un tipo di gara simile. Non è una cosa che si va a cercare, ma se succede si cercherà di fare il meglio.”

Foto: Alex Farinelli

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati