MotoGP: La Suzuki a Barcellona con evoluzioni di motore

Aleix Espargarò e Maverick Vinales pronti a dare tutto nella gara di casa

MotoGP: La Suzuki a Barcellona con evoluzioni di motoreMotoGP: La Suzuki a Barcellona con evoluzioni di motore

Suzuki MotoGP Gran Premio Barcellona – Il Team Suzuki arriva a Barcellona con grandi speranze. La casa di Hamamatsu guidata dal nostro Davide Brivio, si aspetta un grande weekend nella gara di casa dei suoi piloti, Aleix Espargarò e Maverick Vinales. Il primo reduce dall’operazione alla mano destra effettuata dopo la gara di Le Mans e dalla caduta del Mugello, si aspetta un fine settimana positivo, mentre il giovane rookie proverà a migliorare il settimo posto del Gran Premio d’Italia, suo miglior risultato nella MotoGP. Ad aiutarli nuove parti di motore della GSX-RR.

“Il Gran Premio di Catalunya sarà magico per me; sarà la mia gara di casa e avrò moltissimo sostegno da amici e fan. Vengo da un fine settimana difficile al Mugello, che deve essere cancellato: ho faticato molto nelle sessioni e, infine, sono stato vittima di un contatto che ha fatto chiudere subito la mia gara – ha detto Aleix Espargarò – La mia GSX-RR ha dimostrato di avere un buon rendimento in questa prima parte della stagione e la mia sensazione è che ancora non abbiamo ottenuto i risultati che meritavamo. A Barcellona avremo alcune parti nuove e sono molto curioso di vedere come sarà migliorata la nostra moto. So che in Giappone i nostri ingegneri stanno lavorando molto duramente perché crediamo pienamente al progetto, quindi non vedo l’ora di fare del mio meglio e di avere un weekend positivo.”

“Sarà un emozione unica correre nel circuito di casa come pilota ufficiale. Vengo da una serie positiva di risultati e ogni volta che scendo in pista con la mia GSX-RR mi sento sempre meglio e l’ultima gara del Mugello mi ha dato molta soddisfazione – ha spiegato Maverick Vinales – Sono abbastanza sicuro che mi piacerà girare sul Circuito di Catalunya con la Suzuki; è una pista veloce e la nostra moto si è rivelata molto buona da guidare grazie al suo telaio. Inoltre avremo miglioramenti per il motore, sono davvero curioso di provarli. Sono consapevole che ho ancora molto da imparare, in particolare io e il mio team stiamo lavorando sulla gestione delle sessioni e delle gomme, per migliorare il ritmo, ma anche per essere più efficaci in qualifica ed entrare Q2 per avere poi una buona posizione in griglia. Questa sarà la chiave per il futuro.”

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    fatman

    10 giugno 2015 at 19:12

    …in motogp suzuki spreca solo soldi, doveva concentrarsi sulla SBK come la mitica ed incommensurabile Kawa…in motogp non vincera’ piu’ neppure Ducati, sara’ un affare honda/yamaha per centinaia di anni…

    • Avatar

      bcs

      11 giugno 2015 at 17:11

      Pensa quanti ne ha sprecati la “incommensurabile” Kawasaki nel motomondiale nel corso della sua storia.
      E quando era in Motogp in diversi sostenevano che era tra quelle che spendeva di più.

      La Sbk? Categoria che è stata distrutti da degli idiot* patentati? E che per trovare un po’ di spazio deve richiamare a raccolta la vecchia guardia (leggere notizia di oggi per quanto riguarda Max e Aprilia)?
      Dai che la prossima stagione chiameranno a rapporto Fogarty o Chili o Edwards.

      Non mi vanterei di vincere nell’attuale Sbk, visto che è stata devastata.

      Be’ il Mondiale dello scorso anno non rende tanto mitica la tua incommensurabile Kawasaki :).

      • Avatar

        fatman

        12 giugno 2015 at 10:57

        …negli ultimi anni mi son divertito tanto, questo mi basta…il mondiale SBK sarà pure inferiore ma noi vinciamo e voi fate ridere, un dato di fatto…vedrai, non potrà che peggiorare ahahahahahah!!! Neppure Barbera salverebbe la suzuki…

      • Avatar

        bcs

        12 giugno 2015 at 18:38

        Lo scorso anno avete perso il titolo contro Guintoli!
        Guintoli…. Basta questo per farti capire come è messa la Sbk (ma non sei in grado di capire).

        Non ho scritto che è un mondiale inferiore, ma che non è più la vera Sbk, inutile nasconderlo e se hai un briciolo di cervello (ne dubito visto quello che scrivi) dovresti vederlo da solo.

        Vincere in questa Sbk non è un vanto.
        E’ un vanto avere Rea, il miglior pilota attualmente in Sbk e oserei scrivere, l’unico fenomeno che c’è.

        Il resto del gruppo?

        Kawasaki si concentra SOLO sulla Sbk, categoria molto meno impegnativa ed abbordabile della Motogp.
        Suzuki in Sbk si comporta come Honda, ovvero non pervenute. Idem Bmw.

        Ducati ha un progetto limitato tecnicamente (per discorsi che tu non puoi comprendere) e soprattutto ha due piloti che sono tutto tranne che fenomeni (Giuliano è un fenomeno, ma sotto un altro aspetto… L ho vista all Eicma ed il suo modo di comportarsi lascia parecchio a desiderare).

        Aprilia idem… Torres (lasciamo perdere) e Haslam che è l ombra di quello che era fino a qualche anno fa.

        Dai su fatman, vincente in un Campionato che è stato distrutto, dove il livello dei piloti è ai minimi storici, con poche case che investono e ci sbattono la testa in maniera seria, perchè non ne vale la pena.

        Noi intanto in Motogp ci siamo, voi siete spariti e non rientrate per paura di buscarle spendendo cifre da top team.

        Insomma siete stati la Toyota (F1) della Motogp.

        Si è visto quanto avete vinto nel Motomondiale, nonostante eravate quelli che spendevano di più.

        Visto che non c’è altro modo di discutere con te, potresti scrivermi quanti titoli ha vinto la verdona nella Top Class (Motomondiale) e quanti Suzuki?

        :)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati