Superbike: Al via il quinto round all’Autodromo di Imola

il Campionato Mondiale torna in Italia: sulla pista imolese Rea è il grande favorito per la vittoria

Superbike: Al via il quinto round all’Autodromo di ImolaSuperbike: Al via il quinto round all’Autodromo di Imola

La Superbike torna in Italia in occasione del quinto round della stagione, che si terrà questo fine settimana all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Il tracciato romagnolo, salvo che nel biennio 2007-2008, ha sempre ospitato un appuntamento della competizione dal suo debutto nel 2001 in avanti.
L’attuale configurazione misura 4936m di lunghezza, vanta 22 curve di cui 13 a sinistra ed è caratterizzato da numerosi cambi di pendenza, dall’assenza di lunghi rettilinei e dal veloce susseguirsi di curve tra loro spesso interconnesse: queste particolarità rendono Imola una delle piste più impegnative e tecniche al mondo.
Su questo tracciato sono state completate, fino ad ora, 23 gare (nel 2005 è stata cancellata Gara2 per maltempo): in ben sette occasioni, un pilota è stato in grado di ottenere la doppietta.
Fu Colin Edwards a conquistare la prima, nella storica battaglia con Troy Bayliss che lo portò al secondo titolo mondiale, mentre l’ultima in ordine di tempo appartiene all’attuale leader della classifica Jonathan Rea e risale all’anno passato.

L’evento può però regalare gioie anche ai fan italiani: Aprilia ha infatti conquistato ben 11 podi su questa pista, con almeno una RSV4 tra i primi cinque in ogni gara dal 2009, anno del rientro della casa di Noale in WorldSBK.
Le novità più importanti dell’Acerbis Italian Round riguardano due piloti romani, entrambi al rientro con modalità differenti: Davide Giugliano, dopo l’infortunio a due vertebre rimediato a Phillip Island, torna finalmente in pista, mentre Michel Fabrizio, è chiamato a sostituire Nico Terol nelle file dell’Althea Racing Team.

Dietro al terzetto di testa della classifica composto da Rea, Haslam e Davies, l’iridato 2013 Tom Sykes avrà un’altra occasione per riportare la sua stagione sui livelli dell’anno passato, avendo faticato con problemi di trazione al posteriore della sua Ninja ZX-10R nell’ultima trasferta di Assen.
Non ha avuto gli stessi inconvenienti in Olanda Michael van der Mark, autore di un doppio podio che lo ha consacrato come primo pilota dei Paesi Bassi, nella storia del Mondiale, a chiudere una gara tra i primi tre classificati.

Quello di Imola sarà il terzo round per il team Voltcom Crescent Suzuki ed i suoi piloti, Alex Lowes e Randy de Puniet, dopo il passaggio all’elettronica Magneti Marelli.
L’impossibilità di poter effettuare test si traduce nell’obbligo per la squadra di Paul Denning di proseguire lo sviluppo nelle sessioni di prova.
Diversi sono i piloti che raggiungeranno dei numeri importanti nella competizione, ad esempio Gara 2 per Ayrton Badovini sarà la 130 partenza nel Mondiale Superbike, mentre Gara 1 per Giugliano sarà l’80esima partenza nella competizione.
Jonathan Rea invece in gara 2 diventerà il ventiquattresimo pilota della storia a prendere parte a ben 150 gare nella classe regina: al suo debutto a Portimao nel 2008, Rea ha conquistato 21 successi, cinquanta podi, 13 Pole Position ed altrettanti giri veloci in gara.
Il pilota KRT ha inoltre il sesto vantaggio più alto di sempre, dopo otto gare, nella storia del Mondiale.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati