Moto3 Jerez: segnali di ripresa per la Ktm di Romano Fenati, Andrea Migno dolorante ad una spalla

Stati d'animo divergenti per i ragazzi dello Sky Racing Team VR46

Moto3 Jerez: segnali di ripresa per la Ktm di Romano Fenati, Andrea Migno dolorante ad una spallaMoto3 Jerez: segnali di ripresa per la Ktm di Romano Fenati, Andrea Migno dolorante ad una spalla

Moto3 Jerez 2015 Day 1: mentre Andrea Migno ha dovuto soffrire durante tutta la giornata a causa di un dolore alla spalla sinistra, Romano Fenati è stato a lungo in lotta con il gruppo dei primi, segno che la sua Ktm potrebbe non essere così distante dalle Honda come nelle gare precedenti.
Il pilota ascolano, dopo un’ottima FP1 chiusa con il 5° tempo, non è riuscito a ripetersi nel secondo turno a causa del traffico nel giro del time attack che lo ha relegato all’11° piazzamento nella classifica combinata tra le due sessioni (1’47.917).
Differente situazione per Andrea Migno che non è riuscito ad esordire nel continente europeo come avrebbe voluto, condizionato da un problema fisico che non gli ha permesso di andare oltre il 22° tempo (1’48.699) della FP2.

“Questa mattina – ha detto Romano Fenati – abbiamo fatto un’ottima prima sessione di prove libere, ripartendo da ciò che di buono avevamo fatto in Argentina. La sessione del pomeriggio è stata invece un’occasione per provare un setting nuovo della sospensione posteriore ed è stato utile per capire quale potrà essere la strategia migliore da utilizzare in gara. Domani continueremo a lavorare cercando le soluzioni migliori per affrontare le qualifiche”.

“La spalla mi fa ancora male e questo non mi aiuta – si è lamentato Andrea Migno – però sto lentamente migliorando. La moto è a posto ma ci sono due curve di questa pista dove rallento molto e lì devo assolutamente migliorare. Sono fiducioso per le qualifiche di domani. Sarà fondamentale partire più avanti possibile perché domenica ci aspetta una gara molto lunga e la temperatura in pista sarà altissima”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati