Superbike: De Puniet racconta di un round “impossibile”

il pilota Suzuki spiega le difficoltà avute ad Assen e il contatto con il compagno di team

Superbike: De Puniet racconta di un round “impossibile”Superbike: De Puniet racconta di un round “impossibile”

La giornata di gare olandese è iniziata nel peggiore dei modi per il team Voltcom Crescent Suzuki, dopo che entrambi i piloti sono usciti di scena a seguito di uno strano incidente alla curva 1.

Dopo il lungo alla prima staccata, Lowes stava riprendendo la via della pista quando il suo compagno di squadra ha perso il controllo della sua moto, rotolando a grande velocità nella via di fuga. La moto del francese è passata come un proiettile a fianco di quella del compagno di squadra prima di insabbiarsi, mentre al contempo de Puniet, nella caduta, è andato a sbattere contro Lowes, gettandolo per terra.

“Abbiamo avuto problemi con il controllo di trazione, con il freno motore… è davvero impossibile guidare così” ha spiegato l’esperto pilota transalpino a WorldSBK.com. “Non sono riuscito a mettere insieme tre giri consecutivi prima della gara. Sono partito diciottesimo ed il feeling non era ottimale, ma ho provato comunque, come sempre faccio, a dare il massimo in gara, anche se faticavo a fermare la moto”.

De Puniet si è poi soffermato sulla doppia caduta Suzuki:

“Alex è andato dritto, io ero dietro di lui e non ho riuscito a rallentare come avrei voluto. Per questo motivo ho dovuto usare di più il freno davanti, perdendo così l’anteriore. Al contempo Alex era lì e quando sono scivolato il mio corpo ha colpito la sua moto. Siamo entrambi fortunati a non aver subito danni fisici.”

“La mia prima moto era completamente distrutta e, per questo motivo, in gara 2 ho dovuto usare il secondo telaio. Il feeling non era buono e quasi totalmente assente all’anteriore e per questo ho deciso di ritirarmi, in quanto era semplicemente stupido continuare in queste condizioni.”

Il team manager Paul Denning, prima della partenze delle due gare di Assen, aveva spiegato che dopo il passaggio a Magneti Marelli, il team deve condensare il lavoro di sei mesi in sei settimane.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    francescof1

    27 Aprile 2015 at 12:30

    Ma un pilota chiamiamolo proffesionista.. più scadente di De Puniet esiste? mai visto un pilota così scadente! e di gare tra superbike supersport moto3/2 Motogp in questi anni e negli anni passati ne ho visti! ma come il francese mai!
    Mi domando cosa cavolo gli è passato per la testa alla Suzuki per farlo correre in Superbike.. guardando Alex Lowes si può semplicemente dire che avevano voglia di sprecare moto e soldi! visto tutte le cadute che fa De Puniet! è quasi sempre caduto in ogni gara in ogni categoria in cui ha corso! assurdo lo facciano lavorare ancora quando c’è gente che meriterebbe di stare al suo posto!
    Alex lowes undicesimo in classifica.. con 41 punti
    De Puniet sedicesimo con 15 punti..
    E nell’ultima gara Il francese ha pure buttato giù Lowes! assurdo! mandatelo a casa vi prego!!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Esordio complicato per la Yamaha

A Phillip Island Sylvain Guintoli e Alex Lowes non raccolgono quanto sperato
Condividi su WhatsAppIl Yamaha Finance Australian Round, svoltosi lo scorso weekend sul circuito di Phillip Island, ha segnato il ritorno