MotoGP: Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse, commenta il Gran Premio d’Argentina

La nuova Ducati GP15 si è dimostrata competitiva anche a Termas de Rio Hondo centrando il podio con Dovizioso e sfiorandolo con Iannone

MotoGP: Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse, commenta il Gran Premio d’ArgentinaMotoGP: Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse, commenta il Gran Premio d’Argentina

MotoGP 2015 GP Argentina Ducati – Terza gara e terzo podio per la Ducati, che anche a Termas de Rio Hondo, Argentina, ha dimostrato tutto il suo valore. A portare la nuova Desmosedici GP15 sul secondo gradino del podio ancora una volta Andrea Dovizioso, che anche in campionato occupa la seconda piazza, a 6 punti di distanza dal leader e connazionale Valentino Rossi. Un podio sfuggito ad Andrea Iannone solo all’ultima curva, per un podio che ancora una volta come in Qatar poteva essere tutto italiano. Ecco a tal proposito le parole di Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse.

“Siamo davvero soddisfatti di questo risultato, che arriva su una pista difficile per noi. Anche in questa occasione piloti e squadra hanno lavorato molto bene e la GP15 ha dimostrato ancora una volta la sua grande competitività. Dovizioso è stato davvero fantastico ed ha fatto una gara veloce ed intelligente, conquistando per la terza volta in questa stagione il secondo posto. Peccato per Iannone, che avrebbe meritato di salire sul podio, ma comunque ritorniamo in Europa con i nostri due piloti in seconda e terza posizione nel campionato e quindi non possiamo che essere contenti. Voglio ringraziare tutti i ragazzi di Ducati Corse che hanno lavorato senza sosta in questi ultimi mesi e questo risultato lo dedico a loro.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    ligera

    24 aprile 2015 at 19:31

    Questa Ducati sta dando soddisfazioni inaspettate per certi versi. Arrivare sempre secondi è un risultato davvero strepitoso se paragonato a quelli dello scorso anno. Piste diverse ma stesso risultato, la Ducati, con Dall’Igna, risponde “presente”.

    I miei complimenti a Dovizioso e Iannone. Non sono piloti in grado di vincere un mondiale, ma restano comunque grandi interpreti della MotoGP, il che, al momento è il massimo a cui si può puntare.

    Grandissima moto e grandissimi piloti, con l’aggiunta dei grandissimi risultati.

    Complimentissimi!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati