MotoGP Argentina: Segnali di crescita per Bautista e Melandri anche se restano dietro

I due piloti dell'Aprilia, 19° e 20° riducono il distacco dal centro classifica

MotoGP Argentina: Segnali di crescita per Bautista e Melandri anche se restano dietroMotoGP Argentina: Segnali di crescita per Bautista e Melandri anche se restano dietro

I due piloti Aprilia, Alvaro Bautista e Marco Melandri chiudono al Rio Hondo rispettivamente con il 19° ed il 20° posto, fuori dalla zona punti. Per la prima volta però entrambe le RS-GP arrivano al traguardo e soprattutto, la nota positiva che si riducono i distacchi dal gruppone a centro classifica: stavolta i due alfieri della moto italiana chiudono a 4 secondi dall’11°, un ottimo risultato se si pensa ai distacchi che avevano nei testi invernali

“Nella parte iniziale della corsa sono stato troppo tranquillo – ha affermato Alvaro Bautista – volevo preservare le gomme, poi in realtà ho notato un’usura minore, probabilmente perché le condizioni della pista erano migliori. Nel finale ho provato a spingere di più, anche se a quel punto il gruppo di piloti davanti a me aveva già un margine che non sono più riuscito a ricucire. In ogni caso, abbiamo portato a termine un’altra gara importante, riducendo anche il gap dal vincitore rispetto a quanto accaduto in Texas. Adesso guardiamo già a Jerez, sede della prima gara europea, con l’obiettivo di migliorarci ulteriormente. Ringrazio la squadra, che lavora sempre tantissimo: ogni volta facciamo un piccolo passo in avanti e riusciamo a individuare meglio ciò di cui abbiamo bisogno per crescere”.

“Onestamente oggi speravo di poter stare il gruppo di piloti davanti a me – ha aggiunto Marco Melandri – ma all’inizio della gara ho perso molto tempo, soffrendo la mancanza di stabilità all’anteriore e il poco grip al posteriore. Peccato, perché ero anche partito bene e da metà gara in poi ho ritrovato la stessa moto dei giorni scorsi, che mi permetteva di girare su un buon passo, sempre sul piede di 1’41″5″

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati